Cesena, la semplificazione al centro dell�ultimo appuntamento con gli �Stati generali�

Cesena, la semplificazione al centro dell’ultimo appuntamento con gli ‘Stati generali’

CESENA - Si parlerà di semplificazione e di snellimento delle procedure nell'ultimo degli incontri, denominati ‘stati generali', che il Comune ha promosso in vista della predisposizione del bilancio 2011. L'appuntamento è fissato per lunedì 15 novembre, alle ore 16, nel Palazzo Comunale, e - come per i precedenti - tutta la cittadinanza è invitata.

 

"Abbiamo più volte ripetuto - sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore allo Sviluppo produttivo e residenziale del territorio Orazio Moretti - che, in questa fase di crisi, uno dei nostri impegni principali è quello di creare condizioni che favoriscano l'attività delle imprese. E, nonostante i pesanti tagli del Governo ci impediscano di prevedere interventi economici significativi, ad esempio sul fronte del sostegno creditizio, abbiamo ritenuto di poter dare un contributo importante, intervenendo sulla semplificazione, per assicurare iter amministrativi in sintonia con le necessità delle aziende. Siamo al lavoro già da diversi mesi e in questo percorso è stato prezioso l'apporto di tutte le associazioni rappresentative delle imprese, che ci hanno seguito con grande attenzione, assicurandoci sempre collaborazione e stimoli positivi di cui le ringraziamo. Così  abbiamo messo a punto un pacchetto di misure chiare e concrete, in parte già avviate, che renderanno più semplici le procedure e le accorceranno. Praticamente tutti gli interventi saranno varati entro la fine dell'anno e l'incontro di lunedì servirà a fare il punto della situazione, fornendo i contenuti dettagliati degli interventi e il loro stadio di attuazione".

 

Sono sei i provvedimenti di maggior rilievo compresi nel piano definito dall'Amministrazione.

 

In primo piano, il nuovo Regolamento di occupazione del suolo pubblico, che prevede la regolamentazione dei dehors su aree pubbliche, lo snellimento delle procedure per il rilascio e il rinnovo delle autorizzazioni, una maggiore flessibilità nella definizione dei periodi di occupazione, l'estensione delle tipologie e delle attività, l'inserimento di una norma transitoria per il recupero delle somme pagate per suolo non utilizzato, l'identificazione di un unico ufficio come referente per le varie tipologie di occupazione. Approvato dalla Giunta il 9 novembre, sarà sottoposto all'esame della commissione il 15 novembre (la riunione è prevista subito dopo l'incontro degli stati generali), per approdare in Consiglio Comunale il 25 novembre.

 

Si prosegue con l'adeguamento del Regolamento edilizio, che prevede di poter attuare dehors su suolo privato, di ridurre da 32 a 18 il numero degli elaborati richiesti per i Piani urbanistici attuativi (Pua), di prolungare da 9 a 18 mesi la validità di attuazione dei Pua e da 12 a 24 mesi la sottoscrizione della loro convenzione. In questo contesto sarà predisposto un elenco certo e definito degli elaborati progettuali necessari e si punterà a utilizzare le conferenze dei servizi come strumento privilegiato per reperire i pareri degli enti esterni. Anche l'adeguamento del Regolamento edilizio è stato approvato dalla Giunta il 9 novembre e andrà in commissione il 15 novembre, per essere votato in Consiglio comunale il 25 novembre.

 

Stessa tabella di marcia per la modifica del Regolamento di assegnazione delle aree produttive, con il quale si introdurrà per il soggetto attuatore la possibilità di monetizzazione normativa, e non eccezionale, della cosiddetta quota di 0,1 perequativo. In altre parole, si permetterà alle aziende di mantenere, previa monetizzazione, l'area che avrebbero dovuto cedere al Comune, eliminando i vincoli contenuti nel regolamento precedente.

 

Invece è già stato discusso in commissione e sarà nell'ordine del giorno del Consiglio comunale del 18 novembre l'adeguamento del Regolamento dei contributi per i crediti. Questo intervento prevede di eliminare le percentuali fisse di contributo da utilizzare per il fondo rischi e per l'abbattimento del tasso di interesse, consentendo ogni anno di modulare le esigenze dei singoli consorzi fidi e cooperative di garanzia secondo le necessità.

 

E' già stata approvata dalla Giunta il 14 settembre scorso la delibera quadro per gli alloggi sociali e l'edilizia scolastica. Questo atto prevede la possibilità di sottoscrivere accordi di programma con privati proprietari di aree già zonizzate dal vigente Prg, che ne propongano la trasformazione in residenza, con la cessione gratuita di una parte degli alloggi realizzati al Comune.

 

Completa il quadro l'adozione della Variante al Produttivo. Fra le altre cose, essa prevede: una nuova norma per la riqualificazione e l'ampliamento dei pubblici esercizi in suolo privato e la possibilità di riqualificare e ampliare aziende già insediate e di localizzare nuove aziende (o ricollocare aziende già esistenti). In questo contesto, un altro aspetto di particolare rilievo riguarderà la trasformazione dei Pua di modeste dimensioni in permessi di costruire, con l'effetto che l'iter procedurale passerà da 24 mesi a 9 mesi. L'obiettivo dell'Amministrazione è di portare la Variante in Consiglio per l'adozione prima di Natale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -