Cesena: le promesse del tennis di domani si sfidano all'Ippodromo

Cesena: le promesse del tennis di domani si sfidano all'Ippodromo

Cesena: le promesse del tennis di domani si sfidano all'Ippodromo

Cesena è pronta ad accogliere di nuovo il grande tennis internazionale. Prende il via, infatti, sabato 22 maggio con le qualificazioni (dalle ore 9, poi lunedì dalle 14 scatta il tabellone principale, supervisor Roberto Ranieri) sui campi in terra battuta del Circolo Tennis Ippodromo, il 3° Trofeo "Marchi Giorgio materiali da perforazione", torneo Future Itf maschile con montepremi di 15.000 dollari, che si concluderà poi nella serata di sabato 29 maggio (ingresso gratuito per l'intera settimana di gare, aggiornamenti anche sul sito Internet www.cesenatennis.com con tabelloni e orari di gioco, oltre ai risultati).

 

La manifestazione è stata presentata ufficialmente, con una conferenza stampa svoltasi nella Residenza Municipale di Cesena (l'Amministrazione Comunale ha concesso il proprio patrocinio).

"Si tratta di un evento di assoluto rilievo per la nostra città - ha sottolineato l'assessore allo sport Daniele Gualdi nel suo saluto, nelle vesti di ‘padrone di casa' - che per otto giorni consente di vedere tennis di alto livello nella cornice del Ct Ippodromo. In questi anni abbiamo constatato come i giocatori stranieri amino venire a Cesena anche per il contesto che caratterizza la nostra realtà. Inoltre questa competizione fa spesso emergere talenti poi in grado di scalare il ranking mondiale, senza dimenticare la notevole partecipazione di pubblico che segue fin dalle primissime battute il torneo. Un torneo che è occasione per avvicinare a questo sport anche ulteriori appassionati e soprattutto giovani, stando a contatto diretto con atleti professionisti. Ecco perché come Amministrazione Comunale siamo sempre pronti a sostenere questa manifestazione, sperando che l'edizione 2010 possa essere accompagnata dal bel tempo".

 

A rappresentare la Federazione Italiana Tennis era Andrea Razzani, delegato provinciale Fit Forlì-Cesena (presenti alla conferenza stampa anche Giancarlo Capponcelli, ex presidente del comitato provinciale e vice di quello regionale, e Dante Getti, ex consigliere regionale, attualmente membro della commissione centrale ufficiali di gara). "Anche la nostra provincia rispecchia il trend di piena crescita del tennis italiano - ha evidenziato Razzani - con un +20% di tesserati e 45 tornei agonistici a vario livello organizzati quest'anno, di cui il top è appunto il Futures che sta per partire, una delle competizioni più importanti nel panorama romagnolo. Fra l'altra la data è meravigliosa: due settimane dopo gli Internazionali al Foro Italico di Roma, a pochi giorni di distanza dal Masters 1000 di Madrid con la splendida finale Nadal-Federer e in coincidenza con la prima settimana del Roland Garros, insomma non ci potrebbe essere periodo migliore per il tennis sul rosso. E questo appuntamento è solo l'apice di un'attività veramente intensa, se è vero che il Ct Ippodromo ha iscritto qualcosa come 16 squadre ai vari campionati e di questo dobbiamo dare atto a Giovanni Pacchioni, vero deus ex machina sul piano organizzativo".

Lino Foschi, presidente onorario dell'Associazione Sportiva Tennis Ippodromo, oltre a ringraziare l'Amministrazione Comunale per l'ospitalità concessa alla conferenza stampa "dando un carattere di ufficialità", ha ricordato come questo torneo sia nato "da una scommessa fra il sottoscritto e Giovanni Pacchioni, decidendo di buttarci in questa avventura. E ora è un appuntamento consolidato, con grande partecipazione di tennisti stranieri, ben 18 in questo caso, tra cui persino un giapponese, anche grazie al giudizio positivo dato nel report Itf. Una bella soddisfazione per organizzatori dilettanti come siamo noi, mossi dal desiderio di dare un impulso ai giovani e soprattutto alle scuole tennis: una competizione internazionale come questa è davvero un grande stimolo per i nostri ragazzi nell'appassionarsi a questo sport, che poi li educa ed è una scuola di vita. Essere ancora qui dopo diversi anni e le difficoltà che si incontrano è quindi motivo di orgoglio, con in cuor mio il sogno di un ulteriore salto di qualità in futuro, anche a livello di montepremi".

 

All'aspetto promozionale si è ricollegato anche Stefano Gardini, uno degli organizzatori: "oltre a rappresentare un veicolo trainante verso questa disciplina, il nostro torneo ha una forte valenza educativa e di socializzazione per i ragazzi, che per dieci giorni a stretto contatto con i professionisti della racchetta in una cornice come il Ct Ippodromo possono respirare un clima d'altri tempi".

 

Il compito di addentrarsi sugli aspetti tecnici è toccato, come sempre, al direttore del torneo Giovanni Pacchioni. "Ho controllato anche le liste degli iscritti agli altri tornei Futures in calendario la prossima settimana e ho notato con piacere che siamo quello con il livello più alto - sottolinea Pacchioni - visto che i giocatori più forti hanno scelto Cesena. In base all'ultima classifica Atp uscita lunedì, per la prima volta infatti avremo in tabellone quattro tennisti fra i primi 250 del mondo, davvero un motivo di orgoglio per noi. In cima troviamo i due austriaci Andreas Haider-Maurer e Philipp Oswald, rispettivamente numero 231 e 232 del ranking Atp, immediatamente seguiti dall'argentino Juan Martin Aranguren, n.233, mentre figura al 245° posto Stefano Galvani, ormai di casa da queste parti risiedendo a San Marino dopo il matrimonio. Era da un po' che un italiano non era nel novero dei principali favoriti e ci auguriamo possa essere protagonista fino in fondo, visto che da tempo un nostro connazionale manca nell'albo d'oro. Sempre fra i primi 300 del computer Atp, poi, sono lo spagnolo Trujllo-Soler, l'uruguaiano Felder e il Davisman danese Nielsen".

 

Il direttore del torneo (semifinali e finale saranno trasmesse in tv in differita da Supertennis) ha affrontato anche il capitolo wild card. "Siamo in attesa di conoscere le decisioni della Federazione italiana per i loro due nomi, mentre noi come organizzatori abbiamo a disposizione altrettanti inviti per il tabellone principale. Mi sarebbe piaciuto assegnarla al faentino Federico Gaio, che però disputerà il Roland Garros juniores. Dunque una al 99% andrà a Mattia Barducci, il migliore giocatore cesenate, che deve anche difendere un punto Atp ottenuto lo scorso anno, mentre per la seconda aspetto fino all'ultimo sperando di arricchire ulteriormente il tabellone con un buon tennista italiano, che vada ad aggiungersi al bolognese Enrico Burzi e ai toscani Matteo Marrai e Walter Trusendi, ammessi con la loro classifica. devo rivolgere un ringraziamento a tutti coloro che lavorano dietro le quinte - ha concluso Pacchioni - dando un apporto fondamentale per la riuscita del torneo".

Anche per le qualificazioni (saranno 8 i giocatori promossi al main draw) le wild card dovrebbero andare a giocatori locali.

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -