Cesena, “Le vite dei cesenati”: arriva il quarto volume

Cesena, “Le vite dei cesenati”: arriva il quarto volume

CESENA - Giovedì 28 ottobre, alle ore 17, presso la Sala Rossa del Centro San Biagio sarà presentato il quarto volume di Le vite dei cesenati.  Il libro, curato da Pier Giovanni Fabbri, contiene scritti di Paola Errani, Augusto Bucci, Gastone Benini, Maria Assunta Biondi, Michele Andrea Pistocchi, Pier Paolo Magalotti, Renato Mattarelli Carli, Franco Dell'Amore, Marzia Persi, Alessio Boattini, Giancarlo Cerasoli, Guia Lelli Mami.

 

L'incontro, che vedrà la presenza del curatore e degli autori, sarà introdotto dall'assessore alla Cultura Daniele Gualdi, e prevede alcuni momenti di intrattenimento ispirati ai temi del volume. In particolare, l'attore Ilario Sirri leggerà i testi di alcune canzoni scritte da Cino Pedrelli e musicate da Aldo Rocchi (la cui biografia, inserita nel volume, è di Franco Dell'Amore e di Marzia Persi), mentre  Lorenzo Pieri leggerà  alcuni testi del giornalista e studioso Agostino Ceccaroni, biografato da Assunta Biondi.

 

Le biografie di Rocchi e Ceccaroni sono alcuni dei contributi presenti nel quarto volume dedicato alle Vite dei cesenati.. Nella prima sezione, sotto il titolo "Per un dizionario biografico" sono raccolte le schede di: Dardone, mercante cesenate del Trecento,Francesco Albizzi (1434-1477), Adriano Loli Piccolomini, bibliotecario della Malatestiana dal 1877 al 1907, del dottor Alberto Rognoni (18520-1934), di Leopoldo Lucchi, sindaco di Cesena dal 1970 al 1985. Nella seconda sezione, intitolata "Le Vite", si analizzano  con un respiro più ampio la vita e l'opera di Agostino Cecaroni, della famiglia Carli e in particolare di Luigi Carli, minatore emigrato a Minas Gerais, in Brasile, di Aldo Rocchi, con particolare riferimento al suo sodalizio con Cino Pedrelli.

 

La terza sezione, dedicata a "Le storie", comprende tre saggi, imperniati rispettivamente su "3 febbraio 1377: il sacco dei Bretoni", "La Villa d'Ancisa: un villaggio rurale fra Cinque e Seicento", "La situazione igienico-sanitaria di Cesena all'indomani dell'Unità in un'interrogazione di marsilio Nori" e "Gli studi fotografici a Cesena e Forlì dal 1850 al 1950".

 

Infine, nella sezione "Libri" si parla del lapidario cesenate e dei "Cantos malatestiani" di Ezra Pound.

L'obiettivo dei redattori (Giancarlo Cerasoli, Paola Errani, Pier Giovanni Fabbri - che è anche il curatore dell'opera -, Michele Andrea Pistocchi) è di ricostruire tanti segmenti del nostro passato attraverso strumenti differenziati di indagine e di narrazione storica. Si va da biografie sintetiche ad altre più articolate, a sezioni che analizzano momenti importanti della nostra storia, a ricerche corredate da memorie che diventano veri e propri documenti. Come quella di Renato Mattarelli Carli, il quale vive in Brasile e ha scritto la storia del proprio avo, Luigi Carli, che era minatore a Formignano e che partì emigrante nel 1895 a cercare lavoro fuori d'Italia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -