Cesena, Lucchi: "Mai un iper finchè sarò Sindaco"

Cesena, Lucchi: "Mai un iper finchè sarò Sindaco"

Cesena, Lucchi: "Mai un iper finchè sarò Sindaco"

"Posso garantire che, almeno sino a che sarò Sindaco, non ci sarà l'apertura di nuovi Iper nel territorio di Cesena", è la dichiarazione incisiva del primo cittadino Paolo Lucchi, in risposta alla riflessione del direttore della Confesercenti cesenate Graziano Gozi sulla disciplina del commercio nelle città turistiche e delle ripercussioni negative che un'interpretazione troppo allargata della normativa può produrre sul tessuto commerciale del territorio.

 

"Sono convinto, infatti, che intervenire a tutela del commercio oggi sia più che mai necessario - sottolinea Lucchi - perché in questo modo si protegge una delle ragioni di equilibrio sociale delle nostre città. E l'impegno non va rivolto solo verso i centri storci, che sono certo i punti d'attrazione più visibili, ma non gli unici. Non si può dimenticare, infatti, accanto ai 400 esercizi presenti all'interno del perimetro delle mura storiche, l'ampia rete di 1600 attività e negozi disseminati nei quartieri e nelle frazioni, che svolgono un servizio importante per i residenti. E non a caso, l'Amministrazione Comunale sta cercando di proteggere al massimo livello anche le frazioni, intervenendo ad esempio, per garantire adeguati livelli di manutenzione".

 

"In quest'ottica, posso garantire che, almeno sino a che sarò Sindaco, non ci sarà l'apertura di nuovi Iper nel territorio di Cesena, in armonia con scelte precise, compiute a suo tempo, e con i valori da cui sono state ispirate, e che personalmente non intendo mettere in discussione. Grazie a quelle scelte oggi la nostra città non ha ‘cittadelle commerciali' estranee al tessuto urbano, ma strutture di vendita di medie dimensioni collocate nella cintura a ridosso del centro storico, in una sorta di continuità con esso. Questa soluzione, individuata con grande lungimiranza dai miei predecessori Preger e Conti, ha prodotto una situazione di equilibrio nell'offerta complessiva. Andare a incrinare questo quadro con l'inserimento di nuove strutture sarebbe insensato, per non dire criminale".

 

"L'Amministrazione Comunale di Cesena crede fortemente nell'importanza della valorizzazione del centro storico. E in questa direzione ci siamo mossi fin dallo scorso anno, proponendo una nuova organizzazione delle domeniche di apertura. Dopo un confronto durissimo anche con le Associazioni di categoria, siamo riusciti a realizzare il nostro intento, e oggi anche i commercianti - di cui comprendo perfettamente i problemi di ordine personale per far fronte a un simile impegno - percepiscono che grazie a questa iniziativa ci siamo messi in una posizione di vantaggio rispetto ad altre località. Infatti, le aperture domenicali continuative da ottobre a dicembre, sempre sostenute da eventi di qualità e collegati all'attrazione culturale del nostro centro storico, stanno dando frutti positivi: le nostre domeniche "speciali" hanno reso Cesena il polo commerciale più competitivo della Romagna e i negozi che stanno aperti lo sanno bene".

 

"Ed è bene ribadirlo ancora una volta: su questo fronte abbiamo tutti - Amministrazione Comunale, associazioni d'impresa, operatori - il medesimo obiettivo di preservare il nostro sistema di commercio. E, dunque, proteggiamoci a vicenda, facciamo crescere ulteriormente il nostro centro storico, valorizziamo ancor di più le nostre domeniche. Il Comune l'ha fatto, con grandi risultati, anche quest'anno, e in questo siamo stati affiancati da decine di commercianti, da "Cesena In centro" e da "Zona A", oltre che da Confesercenti e Confcommercio: facciamolo anche nei prossimi anni e la nostra capacità di reagire ai disequilibri di altre zone della Romagna sarà ancor più forte".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di CittadinodiCesena
    CittadinodiCesena

    Noto ogni giorno di più che il RAZZISMO è definitivamente sdoganato. MK, fatti visitare da uno bravo, ma bravo è... perchè credo che tu sia rimasto indietro di almeno una 50ina di anni. sarà frustrazione sessuale? senso di inadeguadezza sociale? Boh...

  • Avatar anonimo di mk
    mk

    concordo pienamente.. salvagurdare i commercianti è giusto.. ma è ora di iniziare a tutelare anche i cittadini... tutti gli EXTRACOMUNITARI che portano solo degrado alla città non li vede? quelli vanno bene?.. perchè non li ospita a casa sua.. anzi una bella moschea sotto casa sua starebbe bene...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -