Cesena: macellazione a domicilio, nuove regole del Comune

Cesena: macellazione a domicilio, nuove regole del Comune

CESENA - Ritorna, come sempre nel periodo autunno-inverno, la consuetudine di macellare a domicilio i suini per il consumo familiare. Per garantire il rispetto delle norme di vigilanza sanitaria sulle carni, anche questo tipo di macellazione deve seguire precise regole e, di norma, deve essere effettuata nel macello pubblico, nei giorni e negli orari stabiliti in accordo col veterinario ufficiale dell'Azienda Usl.

 

Fino al 28 febbraio 2011, coloro che intendono macellare i suini a domicilio dovranno richiedere che venga effettuata la visita ispettiva al Servizio Veterinario dell'Ausl con almeno 48 ore di anticipo, rivolgendosi agli uffici del Servizio Veterinario in via Marino Moretti n. 99 (telefono  0547 - 352061), per concordare data e ora della macellazione.

La macellazione è consentita a qualsiasi privato che disponga di spazi adatti per eseguirla, e nel rispetto delle norme che disciplinano il benessere e il trasporto degli animali. Per ogni nucleo famigliare è fissato un limite massimo 3 capi.

La macellazione deve essere eseguita da personale esperto, secondo le regole previste per evitare all'animale inutili sofferenze.

 

In attesa dell'esito dell'esame di laboratorio per la ricerca delle Trichine, effettuato presso la sezione di  Forlì dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale, le carni possono essere lavorate ed eventualmente consumate previa cottura.

Entro i due giorni  feriali successivi alla visita, il Servizio Veterinario informerà l'utente dell'esito delle analisi solo in caso di esame sfavorevole.

 

Le carni ottenute non possono essere commercializzate e, a prova dell'avvenuta visita ispettiva, saranno bollate con un timbro triangolare riportante la scritta MUF (Macellazione per Uso Familiare).

Il pagamento dei diritti veterinari, che ammontano a 7 euro per ciascun suino macellato, e dell'onere per le spese di trasporto, fissato dall'Azienda Usl di Cesena in 4,13 euro, è a totale carico del richiedente, e dovrà essere effettuato tramite bollettino di conto corrente postale rilasciato dal Veterinario dell'Ausl al momento dell'ispezione delle carni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -