Cesena: Macfrut fa colpo a Mosca

Cesena: Macfrut fa colpo a Mosca

CESENA - "Arriderci a Cesena, ci vediamo a Macfrut" è stato il saluto usato da molti importatori russi con gli operatori italiani che erano nello stand di Macfrut International al Word Food di Mosca dal 15 al 18 settembre.
La partecipazione è stata un'altra tappa del progetto Macfrut Internazionale che dallo scorso anno Cesena Fiera e Macfrut hanno sviluppato per promuovere all'estero le produzioni ortofrutticole italiane. Anzi per "internazionalizzare" le imprese del Belpaese di fronte alla globalizzazione e ai mercati che ormai comprendono tutti i continenti e sono aperti a ogni tipo di competitors.


Per l'occasione, nella capitale russa,  è stato presentato From, il marchio realizzato da Melinda, La Trentina, Vip, Vog e Vog Products per la commercializzazione le mele del Trentino Alto Adige (ed i loro derivati) nei mercati emergenti. Un esempio di aggregazione del settore che tutto il comparto ortofrutticolo dovrebbe seguire per ridare slancio all'export di frutta ed ortaggi Made in Italy


Una aggregazione che piace a Macfrut che, con il Progetto Internazionale, ha riunito un gruppo di imprese italiane di primario livello sul piano delle principali produzioni del nostro Paese, per compiere missioni in entrata di delegazioni di paesi emergenti durante Macfrut e, dall'altra, missioni in uscita sui nuovi mercati più interessanti e promettenti.
Nello stand di Macfrut a Mosca sono stati presentati prodotti provenienti da specifiche aree vocate (riconoscibili all'interno dello stand stesso perchè suddivise anche con dettagli quali i colori) le mele del Trentino AA, gli agrumi di di nSicilia e l'uva da tavola della Puglia.
Tre prodotti che in Russia sono molto richiesti e hanno forte penetrazione. Si consideri che delle oltre 80.000 tonnellate di frutta esportata dall'Italia in Russia, mele e uva da tavola, assieme al kiwi, rappresentano circa il 90% del totale.


Le produzioni sono presentate dalle aziende in gruppo, accentuando la completezza dell'offerta Made in Italy su quel mercato. 
Anzi, la presentazione "per prodotto" ha avuto la capacità di creare sinergie e stimoli a tal punto che parecchi operatori russi ed ucraini si spostavano dall'area mele a quella agrumi ed uva (e viceversa) trasferendo così l'interesse principale per un prodotto verso gli altri.
Di rilievo gli incontri organizzati dall'ICE fra esponenti di imprese italiane e aziende, importatori ed operatori russi, fra cui spiccavano quelli di San Pietroburgo.


Infine, gli espositori di Macfrut International hanno visitato le tre tipologie di vendita presenti a Mosca (negozio tradizionale, super e ipermercato) per capire come si orienta il consumatore finale e come è organizzata la rete trade in quel Paese.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -