Cesena, Macfrut ha incontrato l'India

Cesena, Macfrut ha incontrato l'India

Cesena, Macfrut ha incontrato l'India

CESENA - Una "collettiva" di Macfrut in India. Se ne è parlato lunedì 14 marzo durante l'incontro che l'Ambasciatore dell'India in Italia, Shri Debabrata Saha, ha avuto coi vertici di Cesena Fiera e rappresentanti della Regione Emilia-Romagna. L'incontro è stato patrocinato dall'on. Sandro Gozi, ed ha visto la partecipazione anche dell'on. Sandro Brandolini. Come è stato detto, 3 imprese su 4 della provincia di Forlì-Cesena operano solo in Regione e non esportano.

 

Per cui occorre favorire le condizioni per la creazione di un partenariato economico con l'India, uno dei paesi a più alto tasso di crescita. «Un Paese -ha spiegato Raffaele Timpano della Regione Emilia-Romagna, ritornato dall'India in questi giorni- che mi ha colpito per la sua grande capacità di sviluppo e di cambiamento in maniera veloce, tanto che si potrebbe sostenere che l'evoluzione avviene da un giorno all'altro».

 

Salutando l'ospite e ringraziando Gozi (che è anche Presidente della Associazione Italia-India), Domenico Scarpellini, Presidente di Cesena Fiera, ha sottolineato che fra India ed Italia si possono ulteriormente rafforzare numerose opportunità sia per le imprese italiane nel Paese del Gange, sia per gli imprenditori indiani in Italia.E un punto di riferimento è certamente MACFRUT «la rassegna della filiera ortofrutticola, dove, non a caso nell'edizione del 2010 hanno partecipato alcuni espositori e 50 buyers indiani. E per incrementare la vostra presenza -ha proseguito Scarpellini rivolgendosi all'Ambasciatore- abbiamo stretto una joint venture con EIMA Agrimac per portare in una "collettiva" le imprese italiane (espositori di Macfrut) in India. Siamo consapevoli -ha concluso il Presidente di Macfrut- che una parte delle piccole e medie imprese della filiera ortofrutticola con le proprie forze non può sostenere trasferte in Paesi lontani, per questo crediamo fermamente in queste forme di sostegno e di supporto auspicandoci che l'India possa trovare ulteriori forme di sostegno per una maggiore presenza di Vostre imprese a Macfrut 2011, possibilmente organizzando anche uno stand istituzionale per permettere la realizzazione di incontri bilaterali tra le imprese dei due Paesi».

 

Mister Shri Debabrata Saha si è detto lusingato dell'invito ricevuto da Scarpellini per prendere parte all'inaugurazione di Macfrut 2011, e si è soffermato sugli interessi che il settore ortofrutticolo indiano dimostra verso la tecnologia italiana applicata alla lavorazione dell'ortofrutta, a quella che sovrintende al packaging ed ha specificato che per l'India, in questo momento di forte crescita delle produzioni (l'incremento del benessere porta ad un aumento della domanda), esiste il problema di una adeguata conservazione di alcune varietà come papaya, mango, ecc, che potrebbero ricevere una valorizzazione (anche in termini di reddito per gli agricoltori) dalla "catena del freddo", di cui l'Italia ha grande esperienza e know how di alto livello.

 

L'Ambasciatore ha assicurato il suo interessamento alla proposta di Macfrut in quanto ritiene la manifestazione un punto di eccellenza nel settore ortofrutticolo. Le parti si incontreranno quanto prima per verificare la fattibilità di quanto programmato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -