CESENA - Massimo Pulini apre il ciclo "Pittura da camera, racconti e ospiti del 600"

CESENA - Massimo Pulini apre il ciclo "Pittura da camera, racconti e ospiti del 600"

CESENA - Si apre con una lezione di Massimo Pulini dedicata al pittore veneto Girolamo Forabosco il ciclo di incontri “Pittura da camera, racconti e ospiti del 600”, curato dallo stesso Pulini e promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Cesena. L’appuntamento è per le ore 17 di venerdì 23 febbraio, nella Sala Rossa del Centro San Biagio.


L’originalità dell’iniziativa consiste nel proporre un approfondimento sulla pittura del Seicento attraverso l’analisi svolta da ricercatori e storici dell’arte su alcuni dipinti della Pinacoteca Comunale di Cesena e il loro confronto con opere degli stessi pittori, appartenenti a collezioni private. Ogni incontro è dedicato a un artista.


Si comincia con il veneziano Girolamo Forabosco, vissuto fra il 1605 e il 1679. Probabile allievo del Padovanino, Forabosco ebbe contanti anche con la scuola bolognese, grazie ai quali arricchì la pittura neocinquecentesca di ambito veneto. Forabosco visse quasi esclusivamente a Venezia, dove risulta iscritto alla Fraglia dei pittori veneziani dal 1634 al 1639. Gli unici suoi spostamenti documentati riguardano la città di Padova, in cui nel 1653 (solo per un anno) ebbe bottega e in cui morì nel 1679. Di lui nella Pinacoteca Comunale di Cesena si conserva un quadro noto come “Suicidio di Sofonisba o Artemisia beve le ceneri del marito Mausoleo”. Infatti, il soggetto del dipinto si presta a due possibili interpretazioni. Secondo la prima ipotesi la donna che si appresta a bere dalla coppa è Sofonisba, nobile cartaginese che decide di suicidarsi per non cadere nelle mani dei vincitori romani.


La seconda ipotesi, invece, identifica il soggetto raffigurato in Artemisia, vedova di Mausolo, che pur avendo fatto costruire un'imponente tomba per il marito (il cosiddetto mausoleo), ne beve le ceneri per divenire lei stessa tomba del consorte.


Nell’incontro di venerdì 23 febbraio, Massimo Pulini analizzerà quest’opera e la metterà a confronto con la “Maddalena nel deserto”, conservata nella collezione Luigi Koelliker di Milano. La lezione sarà accompagnata da alcuni intermezzi musicali a cura dell’Istituto Corelli.

Per informazioni si può telefonare allo 0547 355727 o consultare il sito www.cesenacultura.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’iniziativa si attua grazie alla collaborazione con Altomani & Sons

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -