Cesena, mollato dall'ex la perseguita per tre anni. Ora è in carcere

Cesena, mollato dall'ex la perseguita per tre anni. Ora è in carcere

Cesena, mollato dall'ex la perseguita per tre anni. Ora è in carcere

CESENA - L'ex l'aveva lasciato nel 2008 dopo una relazione durata un anno. Ma lui non si era mai rassegnato a quell'amore finito, cominciando così a perseguitarla con telefonate e sms dal tono minaccioso. La morbosità l'ha poi spinto a sfasciarle anche l'abitazione. L'individuo, un operaio di nazionalità serba di 59 anni, D.D. le sue iniziali, residente a Bora, è stato arrestato dai Carabinieri di Borello in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Forlì.

 

Le accuse, per le quali si sono aperte le porte del carcere della Rocca sono di atti persecutori, danneggiamenti, violazioni di domicilio, ingiurie e violenza privata. Le indagini degli uomini dell'Arma sono iniziate circa un mese fa, quando la donna ha trovato il coraggio di denunciare l'ex. Agli investigatori la vittima, una polacca di 47 anni residente a Borello, ha spiegato di aver deciso di metter la parola fine alla relazione con il serbo nel 2008.

 

Il legale affettivo era durato appena un anno. L'individuo, ha continuato la donna, non ha preso bene la decisione, cominciando così a tempestarla di telefonate ed sms. Con il passare dei mesi la situazione è degenerata. In occasione il 59enne si è spinto oltre, mettendo a soqquadro l'abitazione della donna. Le minacce e le ingiurie sono andate avanti per circa tre anni, fino a quando la 47enne non ha deciso di rilevate tutto all'Arma.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attività d'indagine dei militari ha di fatto confermato il racconto della donna. A quel punto dalla Procura di Forlì è partita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal gip. I Carabinieri si sono così presentati nell'abitazione del serbo, mettendogli le manette ai polsi. Ora si trova in cella a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -