Cesena: moschea, il 'no' della Bertolini (PdL)

Cesena: moschea, il 'no' della Bertolini (PdL)

CESENA - "Sono totalmente contraria alla creazione di una nuova moschea a Cesena nei termini e nei modi previsti dalla locale Amministrazione comunale. In primo luogo, solleva molti dubbi, sotto il profilo dell'ordine pubblico e della sicurezza in termini generali, la circostanza che a dirigere il nuovo luogo di culto e centro culturale sia un'associazione che si dichiara vicina all'UCOII, che tutti sappiamo essere una realtà musulmana radicale, contigua alle posizioni del fondamentalismo internazionale più acceso. In secondo luogo, le attività che l'associazione ha dichiarato di voler svolgere ed intraprendere nel nuovo centro culturale e religioso sarebbero in palese contrasto con competenze esclusive dello Stato e della Regione".

 

E' quanto ha dichiarato in merito alla possibile costruzione di una nuova moschea a Cesena, Isabella Bertolini, del PdL.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Programmi di vaccinazione per bambini, messa in funzione di ambulatori e centri di assistenza, la creazione di scuole, asili nido, centri di formazione tecnica e professionale. L'amministrazione comunale di Cesena, di fronte a questa serie di pesanti interrogativi, non può fare finta di nulla e permettere un tale insediamento che potrebbe non solo destare problemi sulla sua legittimità, ma addirittura provocare danni e problemi. Per questi motivi ho presentato un'immediata interrogazione parlamentare in Commissione Affari Costituzionali per sollecitare l'attenzione e la vigilanza del Viminale su questa vicenda dai contorni davvero poco chiari e poco rassicuranti."

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Elena
    Elena

    Quando si parla di moschea, credo che si tenda sempre a fare confusione tra due discorsi che dovrebbero invece rimanere distinti e separati: la sicurezza e l’islam. Il terrorismo (come anche la delinquenza comune) è qualcosa di abietto e va sempre e comunque contrastato con tutti i mezzi possibili (e noi, in Italia, non ce lo dimentichiamo, abbiamo purtroppo una lunga esperienza). L’Islam è una religione, come il cattolicesimo, e merita lo stesso rispetto. Tra l’altro la nostra costituzione prevede la libertà di culto indipendentemente dal credo religioso. Il fatto che vi siano un manipolo di terroristi sedicenti musulmani non può giustificare l’intolleranza e il rifiuto nei confronti di tutti gli islamici. Spero che l’amministrazione comunale abbia un po’ di coraggio e sostenga questa posizione, secondo me ragionevole: anche gli islamici hanno diritto ad avere un luogo in cui pregare, così come ce l'abbiamo noi cattolici.

  • Avatar anonimo di Unodeitanti
    Unodeitanti

    Sono totalmente contrario a leggere quello che la Bertolona dice su ogni argomento ed in ogni occasione senza che abbia prima controllato di avere acceso il cervello

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -