Cesena, nell'ultimo triennio una media annuale di 196 ricoveri per incidenti stradali

Cesena, nell'ultimo triennio una media annuale di 196 ricoveri per incidenti stradali

Cesena, nell'ultimo triennio una media annuale di 196 ricoveri per incidenti stradali

CESENA - Cause e conseguenze dei traumi, interventi in emergenza e percorsi di cura saranno al centro del convegno "Trauma Update - Il lato grigio del Trauma System. Dalla prevenzione alla cura degli esiti, gli anelli mancanti", in programma, dalle 9 alle 17, all'ospedale Bufalini di Cesena. Organizzato dal Dipartimento Emergenza dell'Azienda Usl di Cesena, Trauma Update è un circuito itinerante di eventi scientifici focalizzati sulla gestione del trauma grave, che vedrà confrontarsi i diversi attori coinvolti.

 

"In particolare - spiega il dottor Luigi Targa, direttore del Dipartimento Emergenza dell'Ausl di Cesena e coordinatore scientifico del convegno - l'incontro di Cesena mira a sensibilizzare il personale sanitario a intraprendere un continuo e progressivo miglioramento delle conoscenze scientifiche e delle capacità professionali di gestione dei traumi, in un'ottica sia di interesse collettivo che di attenzione al singolo individuo. Saranno trattati gli incidenti stradali, le loro principali cause e le conseguenze, la prevenzione. Particolare attenzione sarà rivolta all'uso delle banche dati, strumento fondamentale di valutazione epidemiologica, di performance e di programmazione.Durante il convegno la presentazione dei risultati degli studi sul tema che si stanno sviluppando in regione si alternerà alle testimonianze di chi è stato coinvolto in un grave incidente e ne vive quotidianamente gli effetti''.

 

"La gestione dei traumi - continua il dottor Targa - non si esaurisce nella fase dell'emergenza, ci sono un prima e un poi altrettanto importanti in ottica di prevenzione di tali eventi e convivenza con le loro drammatiche conseguenze. Attraverso il confronto e l'integrazione dei diversi attori del sistema traumi, cercheremo di creare una nuova cultura in cui la cura è solo una parte del processo, mentre non meno rilevante è lo studio e la verifica di tutte le azioni intraprese nella prevenzione e il recupero funzionale dei danni provocati dal trauma".

 

Istituito nel 2001, il Centro Trauma a Cesena è punto di riferimento per l'Area Vasta Romagna e in Emilia Romagna rientra all'interno del Sistema Integrato di Assistenza al Trauma (SIAT), insieme ai Centri Trauma di Parma e Bologna. Il modello organizzativo, basato sul concetto di rete "Hub & Spoke", prevede l'individuazione di una struttura ospedaliera (Hub) altamente specializzata, Cesena, a cui sono funzionalmente collegati gli ospedali del territorio (Spoke), Rimini, Riccione, Ravenna, Lugo, Faenza e Forlì. Per rispondere in maniera adeguata alle esigenze del Centro Trauma, è stato istituito un programma ("Trauma Service") in grado di mettere in rete in maniera tempestiva e appropriata i diversi professionisti e le unità operative del Bufalini che intervengono nella gestione del trauma: la Terapia Intensiva, Neurochirurgia, le Chirurgie (d'Urgenza, Maxillo Facciale, Vascolare, Plastica, Toracica), l'Ortopedia Traumatologica, il Pronto Soccorso, il Centro Trasfusionale, la Radiologia e Neuroradiologia e il Laboratorio analisi.

  

Il Centro Trauma a Cesena nel 2010: una analisi dei dati - Analizzando i dati del 2010, emerge che sul totale dei pazienti ricoverati per trauma grave a Cesena, circa il 19% presentano un trauma cranico puro, mentre i restanti sono traumi complessi, che coinvolgono più distretti. La fascia d'età più colpita è quella giovanile, tra 0 e 50 anni, per presentare poi un picco in età più avanzata (tra i 70 e gli 80 anni). Per quanto riguarda la provenienza dei pazienti, si nota che circa il 74% dei pazienti traumatizzati ricoverati al Centro Trauma del Bufalini proviene dalle altre aziende di Area Vasta o da altre regioni a conferma del ruolo di Centro "Hub" della nostra azienda.

La causa principale dei traumi è l'incidente stradale: oltre il 61% (di cui il 27% in moto, 31% in auto e il 26% per pedoni e ciclisti). Il 26% circa dei pazienti ha invece subito trauma in seguito a caduta o schiacciamento, mentre solo il 3 % subisce trauma da auto-lesione o lesione indotta. "La percentuale di traumi da incidente stradale - commenta il dott. Targa"- è purtroppo ancora molto alta, anche se in diminuzione".

 

Gli incidenti stradali nel territorio dell'Ausl di Cesena - In Italia gli incidenti stradali sono la principale causa di morte nei giovani tra i 15 e 35 anni. Nel 2009, in Emilia-Romagna, gli incidenti stradali sono stati 20.411, con 422 morti e 28.035 feriti, mentre a livello provinciale si sono registrati 1.799 incidenti stradali, 39 deceduti e 2.407 feriti.  Dai dati forniti dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl di Cesena risulta che nel triennio 2008-2010 si è registrata una media annuale di 196 ricoveri per incidenti stradali nei residenti nel cesenate, pari a 0.9 ricoveri ogni 1.000 abitanti, dato lievemente superiore a quello regionale (0.7). I ricoveri per incidente stradale sono in marcata diminuzione, verosimilmente per il rafforzamento della normativa di controllo negli ultimi anni e per gli  interventi locali sia a livello urbanistico-ambientale, sia per le campagne di informazione. 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nello stesso triennio, si sono verificati in media 19 decessi dovuti a incidente stradale all'anno, con un tasso di 9.5 decessi per 100.000 abitanti: un dato per fortuna in diminuzione in tutto il territorio dell'Ausl, e in linea col dato regionale (10.5 per 100.000 decessi negli anni 2007-2009).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -