CESENA - Neoassunti nel settore edile, Comune approva intesa per la formazione

CESENA - Neoassunti nel settore edile, Comune approva intesa per la formazione

CESENA - L’unione fa la sicurezza. Il Comune di Cesena si prepara a firmare un protocollo d’intesa per la formazione dei lavoratori impiegati nel settore edile insieme alla Provincia di Forlì-Cesena, le associazioni di categoria delle imprese edili, le organizzazioni sindacali, le scuole edili e le Aziende Usl della provincia. Nei giorni scorsi la Giunta Comunale ha approvato lo schema del documento, che stabilisce il percorso di formazione necessario per i neoassunti nel settore edile con l’obiettivo di tutelare la salute e la sicurezza di questi lavoratori.


"Da tempo – dichiara il sindaco Giordano Conti – siamo impegnati in un’azione di contrasto del lavoro irregolare e del mancato rispetto delle norme e delle misure idonee a garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro. Questo protocollo, che segue quello firmato nel 2006 per la regolarità e la sicurezza del lavoro nel settore delle costruzioni e dei servizi – sottoscritto anche dalla Direzione Provinciale del Lavoro, l’Azienda Usl di Cesena, Inps e Inail, le casse edili, le organizzazioni sindacali, le associazioni di categoria e gli ordini professionali – permetterà di rendere più sistematica ed efficiente la formazione per la sicurezza dei neoassunti, sia italiani che stranieri. Le ultime ricerche in questo campo, infatti, hanno evidenziato come la mancata o scarsa formazione dei lavoratori sia una delle cause principali degli infortuni sul lavoro e come le vittime di questi siano notevolmente più elevate tra i lavoratori migranti, sempre più numerosi, che tra quelli italiani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In particolare, mentre il numero degli infortuni tra i lavoratori italiani è in leggera flessione – spiega l’assessore ai Diritti del Cittadino Maria Grazia Zittignani – tra i lavoratori stranieri che si trovano in situazione di precarietà è in aumento. Per questo motivo all’interno dei corsi di formazione obbligatori saranno previste quattro ore aggiuntive preliminari per chi, pur comprendendo l’italiano, non conosce la terminologia italiana tecnica del cantiere. Per loro, insieme agli altri firmatari del protocollo, realizzeremo anche un opuscolo contenente i disegni e i termini in italiano e nella loro lingua madre con cui si indicano gli oggetti usati e le persone presenti in un cantiere, quelli relativi ai corretti comportamenti da tenere e quelli concernenti gli avvisi scritti, dalla cartellonistica, agli obblighi e i divieti. Al termine del corso sarà effettuata una prova individuale sui contenuti delle lezioni, per verificare l’effettivo apprendimento da parte dei lavoratori delle misure di prevenzione che è necessario adottare nei cantieri e dei comportamenti che occorre seguire in situazioni di rischio".



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -