Cesena: Nevio Spadoni al teatro Bonci con la poesia dialettale

Cesena: Nevio Spadoni al teatro Bonci con la poesia dialettale

CESENA - Può la poesia in dialetto raccontare il mondo di oggi? L'opera di Nevio Spadoni, raffinato poeta ravennate celebre in tutta Italia per gli splendidi testi che ha regalato al teatro contemporaneo, dimostra come qualsiasi pregiudizio letterario verso il dialetto debba essere spazzato via: i suoi componimenti brevi sono capaci di leggere a fondo il presente, trattando temi come lo stravolgimento del paesaggio naturale, la crisi dei rapporti e dei valori umani, l'omologazione, il senso di precarietà.Il Vicolo Editore gli rende omaggio insieme al Teatro Bonci di Cesena, organizzando, nell'ambito della rassegna UNO SCRITTORE LE SUE MUSICHE,  una serata dedicata all'autore, in cui si presenta il suo volume UN ZIL FENT Un cielo finto (Il Vicolo, Collana Arcana Mundi, 2010) in forma di reading (martedì 8 febbraio 2011, ore 21).

 

Introduce Gianfranco Lauretano.

Leggono Nevio Spadoni, in dialetto, e Roberto Mercadini, in italiano.

Li accompagnano le chitarre di Lorenzo Gasperoni del gruppo Formazione Minima e di Massimiliano Morini.

Durante la performance sarà esposta l'opera originale di Silvano D'Ambrosio riprodotta sulla copertina del volume edito:Del furore, 2004, olio su tela - 160 x 140 cm, Collezione privata.

 

Dalla prefazione di Luciano Benini Sforza a UN ZIL FENT:

"Riso e scavo intimo, memoria e presente, esistenza soggettiva e vita universale in questa raccolta quindi convivono, si intrecciano, viaggiando nelle acque e nelle correnti profonde di un vasto fiume: quello dell'autentica, vera, intensa poesia".

 

Nota biografica

 

NEVIO SPADONI, nato a San Pietro in Vincoli nel 1949, insegna Filosofia e Scienze umane al Liceo Classico "Dante Alighieri" di Ravenna. Le sue poesie in dialetto fino al 2007 sono raccolte nel volume Cal parôl fati in ca (prefazione di Ezio Raimondi, Rimini, Raffaelli Editore, 2007), che comprende anche una sezione inedita dal titolo I sgrafegn. È autore, con Luciano Benini Sforza, di una antologia di poesia in dialetto romagnolo, Le radici e il sogno, Poeti dialettali del secondo '900 in Romagna, Faenza, Mobydick, 1996. Nel 2009 Il Vicolo Editore ha pubblicato il suo Un zil fent (Un cielo finto). Collaboratore di alcune riviste letterarie, è autore anche di testi teatrali messi in scena dalle Albe, Ermanna Montanari e Marco Martinelli, con musiche di Luigi Ceccarelli, da Chiara Muti ed Elena Bucci per Ravenna Festival e da Daniela Piccari con le musiche originali di Luciano Titi. Premio "Lanciano" per la poesia inedita nel 1992, nel 1995 ha ottenuto il Premio "Tratti Poetry Prize" e nel 2000 il testo L'isola di Alcina ha ricevuto due nomination al Premio "Ubu" come migliore novità italiana e miglior spettacolo dell'anno. I suoi lavori teatrali sono stati rappresentati in numerosi teatri italiani e stranieri e trasmessi su Radio 3.

 

martedì 8 febbraio 2011, ore 21

NEVIO SPADONI

letture dal libro di Nevio Spadoni

UN ZIL FENT Un cielo finto (Il Vicolo, 2010)

introduce Gianfranco Lauretano

letture di Nevio Spadoni in dialetto e di Roberto Mercadini in italiano

alla chitarra Lorenzo Gasperoni (Formazione Minima) e Massimiliano Morini

organizzazione Il Vicolo - Editore

prima rappresentazione

 

INGRESSO GRATUITO

info 0547 355911 www.teatrobonci.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo spettacolo si svolge con il pubblico sul palcoscenico. Dopo l'inizio dello spettacolo non è più possibile accedere al palcoscenico.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -