Cesena, nucleare. Macori (Pdl): "Perchè no?"

Cesena, nucleare. Macori (Pdl): "Perchè no?"

Qualora il Governo individuasse nel comune di Cesena una possibile area dove costruire una centrale nucleare la nostra città dovrebbe rispondere si o no?

E´ questa la domanda che Paolo Lucchi, lanciando un sondaggio nel suo sito,  pone ai cittadini per poi proporre ai candidati sindaco di Cesena un `Patto d´onore´ per dichiarare la città mai sede di centrali.


Non vedo proprio dove sia l´onore in questo assurdo patto la cui richiesta è mal posta, come mal posta è la domanda rivolta ai cittadini. Ma andiamo per ordine.

Molto demagogico, e molto "da politichina del proprio orticello", chiedere  ai cittadini, sostanzialmente, se vogliono o no una centrale nucleare nella propria città. Ma che approccio è mai questo? Lucchi vorrà poi esibire per caso una sfilza di "no, neanche morto"?  Veramente molto innovativo, come modo di fare politica! Se si pone il problema così, si tarpa le ali in partenza a un confronto serio e leale.


E l´onore per Lucchi starebbe nel rinunciare alla dialettica e fare un patto (?!) in cui i candidati siano uniti nell´affermare che la priorità è che mai Cesena venga sfiorata dalla costruzione di una centrale? Se tutti i candidati del Pd degli gli ottomila e passa comuni italiani ponessero la questione in questo modo, sarebbe il trionfo dell´individualismo municipalistico: da noi no! A quel punto perché non tornare alla città-stato?


Questa è la politica del no, che si chiude gli occhi di fronte all´evidenza: la situazione sul versante dell´approvvigionamento energetico è così  drammatica per il nostro paese che il ricorso all´energia nucleare, sul quale il Pdl ed il Governo sono favorevoli, è un´ipotesi da prendere in considerazione e da approfondire con onestà intellettuale nel dibattito politico anche da parte di chi finora l´ha contrastata per motivi ideologici e pregiudiziali. Se volessimo replicare a Lucchi, con i suoi stessi strumenti, non sarebbe difficile.

Basterebbe fare un sondaggio e chiedere ai cittadini e alle imprese cesenati se sono contente di pagare bollette dell´energie tre volte più care dei loro competitori europei, proprio perché il Paese sconta la propria totale dipendenza energetica. E domandare ai cittadini se preferiscono il caro bollette ai costi più sostenibili.
Ma noi ragioniamo in un altro modo. Di testa e non di pancia. Non partiamo dal particolare (assai poco onorevole) che sta tanto a cuore a Lucchi, ma mettiamo sempre al centro il bene comune.
Una questione di metodo, prima ancora che di merito.


Italo Macori

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

candidato sindaco Pdl

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    L'approccio del chiedere sostanzialmente ai singoli cittadini se questi vogliono o no una centrale nel proprio territorio ha un nome ben preciso, che Macori probabilmente conosce poco: si chiama *Democrazia*. Fare invece un sondaggio - come propone lui - per sapere se i cittadini sono contenti delle proprie bollette per poi sfruttare le (scontate) risposte per promuovere la costruzione di una centrale nucleare avrebbe un altro nome, che non sto a scrivere. L'energia nucleare ha costi di gestione e costruzione elevatissimi che peggiorerebbero solo la situazione, per non parlare dei potenziali pericoli.

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    Sig. Macori, quella che lei cita non è la politica del NO è la politica del NO alle cazzate, e il piano energetico nucleare proposto dal governo è una cazzata. non starò qui a spiegarlo, ma la scelta nucleare è antieconomica, pericolosa e inutile. Che poi è l'altra medaglia della politica del SI: SI alle centrali di energia rinnovabile SI alla riduzione degli sprechi energetici Per di più pensare di avere una centrale a Cesena mi sembra una follia!!! Con la vocazione agro-alimentare del nostro distretto poi.. Ma che razza di cazzate sono queste!!!

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    mi sembrano elucubrazioni senza capo ne coda...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -