Cesena, nuova legge sull'etichettatura. Il sindaco scrive al ministro Galan

Cesena, nuova legge sull'etichettatura. Il sindaco scrive al ministro Galan

CESENA - Benvenuta tracciabilità! Prendendo spunto dall'approvazione, martedì scorso, della nuova legge in materia di etichettatura dei prodotti alimentari, il Sindaco Paolo Lucchi ha inviato una lettera al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Giancarlo Galan e all'onorevole Sandro Brandolini, componente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. Duplice l'intento: da un lato rallegrarsi del risultato raggiunto, che avrà importanti ripercussioni specialmente in una realtà con una spiccata vocazione agroalimentare come quella cesenate; dall'altro, invitare il Ministro a venire a Cesena per parlare della nuova normativa.  

 

Scrive il Sindaco al Ministro Galan: "Le nuove misure contenute nella legge consentiranno di meglio tutelare la salute e i sacrosanti diritti dei consumatori e, nel contempo, daranno nuovi strumenti per difendere le produzioni agroalimentari di qualità del nostro Paese. Da anni i nostri produttori lamentano le falsificazioni del made in Italy anche in campo alimentare, che danneggiano l'economia e l'immagine del nostro sistema agricolo e, troppo spesso, abbiamo dovuto fare i conti con emergenze alimentari - ultimo caso quello delle uova e delle carni suine contaminate con diossina - che, pur partendo da altri Paesi, hanno ripercussioni anche nel nostro a causa dell'incertezza dei consumatori sulla effettiva origine dei prodotti. Le nuove regole per l'etichettatura contribuiranno a frenare questi gravi fenomeni e, quindi, potranno dare un forte sostegno al comparto agricolo. A beneficiarne saranno soprattutto quelli che finora hanno lavorato seriamente, puntando sulla qualità. E' il caso del territorio cesenate e, più in generale, emiliano - romagnolo, che si contraddistingue per l'attenzione rivolta alle produzioni biologiche, ai prodotti tipici (33 le Dop e le Igp che si contano nella nostra Regione), per la presenza di grandi imprese di trasformazione e commercializzazione dei prodotti alimentari di qualità. A questo punto, è fondamentale - oltre a una celere definizione dei decreti attuativi - far comprendere ai consumatori il valore di questo provvedimento, aiutarli a utilizzare concretamente le nuove etichettature come guida nelle loro scelte di acquisto, promuovendo campagne di comunicazione e di sensibilizzazione che credo debbano rivolgersi in particolare al mondo della scuola. Sappiamo, infatti, come i ragazzi, se debitamente coinvolti, mostrino una particolare sensibilità su questi temi e siano in grado di intervenire anche sulle abitudini della loro famiglia.  Tenuto conto di questi aspetti e della presenza a Cesena di una filiera agroalimentare fra le più sviluppate del nostro Paese, saremmo molto lieti, caro Ministro Galan, se Lei potesse venire nella nostra città per parlare di questo nuovo, importante strumento di tutela della salute e di educazione alimentare, magari proprio in un incontro con gli studenti delle nostre scuole".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -