CESENA - Nuovo assetto per Unibanca, Cna: ''che sia un?opportunità per il territorio''

CESENA - Nuovo assetto per Unibanca, Cna: ''che sia un?opportunità per il territorio''

CESENA - Come CNA, accogliamo volentieri l’invito all’incontro per giovedì 24 aprile, presso la sede della Fondazione, promosso dal presidente Trevisani per illustrare “le strategie della Fondazione Cassa di Risparmio in merito alla partecipata UNIBANCA SpA”.


Siamo, ovviamente, interessati ai futuri assetti di un Istituto Bancario che ha un forte radicamento nel territorio, che ha saputo dare un contributo decisivo al consolidamento del tessuto imprenditoriale e col quale abbiamo instaurato un positivo rapporto di collaborazione, confermato dal fatto che una larga parte dei nostri associati sono anche clienti di Cassa di Risparmio Cesena.


Apprezziamo l’intenzione di interpellare gli imprenditori, attraverso le loro organizzazioni, consapevoli del nostro ruolo e che le decisioni spettano agli organi statutariamente preposti. Auspichiamo, però, che non sia un incontro rituale ma che prevalga la volontà, oltre che di informare, di coinvolgere fattivamente le istanze della società civile, economica ed istituzionale; come peraltro avvenne nel momento in cui la Cassa di Risparmio si trasformò in società per azioni.


La volontà espressa dal Consiglio Generale della Fondazione di esaminare alcune proposte ancora in fase di definizione, deve andare di pari passo con lo sforzo di coniugare maggiormente le ragioni del localismo in un’ottica più ampia, per fronteggiare con gli strumenti adeguati la globalizzazione del mercato e l’economia della conoscenza.


Anche per l’immediato futuro si deve riuscire a preservare il radicamento nel territorio, continuare, cioè, ad avere una banca che continui ad essere motore per lo sviluppo locale. Allo stesso tempo, dovrà disporre di tutti quei supporti, di tipo professionale e tecnico, per affrontare meglio l’attività di finanza, di credito, di consulenza e di servizi per la commercializzazione e supportare il processo di internazionalizzazione che le nostre imprese stanno perseguendo. Naturalmente, ciò potrà verificarsi più facilmente mantenendo la sede decisionale a Cesena, a conferma della vocazione e del radicamento locale della banca, compreso il vincolo del reimpiego delle risorse nel territorio, garantendo nel contempo che l’operatività possa continuare con l’impiego di risorse umane locali, che consentono una migliore conoscenza della realtà e dell’economia del territorio.


Infine, riteniamo che dall’operazione di riassetto possa rafforzarsi anche la Fondazione, accrescendo il proprio patrimonio, indispensabile per continuare a svolgere un’attività di stimolo e sostegno allo sviluppo culturale, sociale ed economico. E questo dovrà realizzarsi con un’azione congiunta e coordinata che veda coinvolte le istituzioni e le rappresentanze del territorio per riuscire, insieme, a far nascere progetti capaci di dare un impulso innovativo al nostro sistema locale e all’economia, interpretando così al meglio il principio della sussidiarietà.

Sapremo valutare ed apprezzare, oltre che condividere, le scelte fatte nell’interesse delle imprese e per lo sviluppo del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presidenza CNA Cesena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -