Cesena, omicidio di Stefania. Il sindaco: "Altra donna uccisa, dopo l'assassinio di Eleonora"

Cesena, omicidio di Stefania. Il sindaco: "Altra donna uccisa, dopo l'assassinio di Eleonora"

Cesena, omicidio di Stefania. Il sindaco: "Altra donna uccisa, dopo l'assassinio di Eleonora"

CESENA - Ad appena poche ore dall'omicidio che ha scosso Cesena, avvenuto in pieno centro mercoledì pomeriggio, la città si stringe al dolore dei familiari col messaggio di cordoglio dell'Amministrazione e della città di Cesena per l'uccisione di Stefania Garattoni. A parlare sono il Sindaco Paolo Lucchi e gli assessori Piraccini e Baredi: "Non ci sono parole adeguate per esprimere lo sbigottimento di fronte al tremendo episodio avvenuto oggi a Cesena".

 

"Una ragazza giovanissima uccisa per strada, in pieno centro storico, per mano del ragazzo a cui era stata legata. Questa notizia scuote le nostre coscienze e ci lascia pervasi da un senso di angoscia profondo e incancellabile. Il nostro pensiero corre alla famiglia della giovane Stefania, alla sofferenza dei genitori e dei fratelli, che ora si trovano a piangere la morte inspiegabile, insensata, della loro ragazza. A nome dell'Amministrazione comunale e di tutti i nostri concittadini desideriamo esprimere la partecipazione al loro immenso dolore. Al tempo stesso rivolgiamo un sentito ringraziamento alle forze dell'ordine per il loro operato, che ha consentito di fermare rapidamente all'aggressore".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Solo pochi mesi sono passati dall'uccisione di Eleonora Liberatore, anche lei caduta sotto i colpi dell'ex compagno. Non avremmo mai creduto che a distanza di così poco tempo lo stesso terribile schema si è ripetesse nel cuore della nostra città e questo ci mostra ancora una volta come le donne e le ragazze siano ancora troppo vulnerabili e troppo spesso vengano messe in pericolo proprio da quelli che sono vicino a loro. Una realtà crudele su cui tutti dobbiamo riflettere, per rafforzare tutti gli strumenti necessari a impedire che la vita delle donne sia segnata dall'insicurezza e dalla paura".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -