Cesena, osterie in piazza tra girarrosto tedesco e porceddu sardo

Cesena, osterie in piazza tra girarrosto tedesco e porceddu sardo

Cesena, osterie in piazza tra girarrosto tedesco e porceddu sardo

CESENA - "Cesena a Tavola" ha messo in piazza le Osterie. Un ritorno al buon vivere che fu, portando esperienza e tecnologie che ci vengono da quel benessere di cui oggi godiamo, soprattutto in città come Cesena. Un esempio? Si vada a vedere il girarrosto dei tedeschi, oppure quello della Sardegna per il Porceddu. Una volta ci sarebbero state delle persone a sudare per girare quegli spiedi, oggi provvedono dei meccanismi regolabili e controllabili.

 

"Cesena a Tavola" è una manifestazione "open", in quanto si tiene nelle piazze e nelle strade centrali e anche per la sua 17a edizione sono state allestite delle "Osterie", dove, approfittando della domenica, si può andare a pranzo e a cena. Così si gustano due tipi di menù e un terzo e quarto lasciarli per lunedì, altro giorno di festa. L'Osteria delle Tradizioni è in piazza Almerici e propone Bruschette e Tagliere Romagnolo, il Piatto del Porco, Polenta con vari sughi, Pasta e Fagioli, minestre con i Funghi, Lepre e Cinghiale, Arrosti e spiedi di varie carni, Baccalà per tutti i gusti e Luverie d'Autunno, inoltre sarà possibile bere la Cagnina.

 

In piazza della Libertà c'è l'Osteria Sardegna e Romagna che è "bipolare" in quanto celebra il gemellaggio di queste due cucine tipiche. Si può mangiare Cartamusica e specialità sarde, fra cui il "mitico" Porceddu allo spiedo, assieme  a piatti tipici romagnoli con piada e cassoni della nonna. Sempre in piazza della Libertà si può fare un'altra interessante esperienza gastronomica grazie alle specialità dell'Osteria Tedesca, che ha preparato un menù dove figurano: Arrosto di maiale, marinato in birra scura, alla griglia; Stinco di maiale allo spiedo, cotto alla griglia con legna di betulla e di faggio; Wurstel della Turingia arrosto; Panini con wurstel e crauti; Panini con salsiccia tedesca cotta al braciere; Patate e verdure in padella; il tutto annaffiato da autentica Birra tedesca alla spina.

 

Per assaggiare sapori di altre Regioni, si può entrare nell'Osteria Toscana (in piazza della Libertà), dove i cuochi preparano Grigliate di carni alla toscana; Tagliata di fiorentina; Rosticciana di costine di maiale; Salsiccia, pancetta e spiedini; Cosce di pollo; Verdure grigliate e i favolosi Fagioli toscani all'olio nuovo. Si cambia registro all'Osteria-Focacceria Ligure (piazza della Libertà), che offre ai buongustai vari tipi di Focaccia genovese, quali: focaccia all'olio, o con il formaggio, con le olive, con la salvia, o con le cipolle. E non poteva mancare il "pezzo forte", ovvero la Farinata di ceci, che è una delle specialità per cui è famosa quella parte d'Italia.

 

In piazza Giovanni Paolo II, va segnalato lo spazio del "Consorzio dei piccoli produttori di vino e olio delle colline cesenati" che consente l'opportunità di conoscere meglio e più a fondo vini e oli prodotti con uve ed olive del territorio cesenate. I Soci di questo consorzio volontario per la tutela e la valorizzazione delle produzioni del territorio cesenate, si pongono l'obbiettivo di favorire la crescita e lo sviluppo delle aziende consorziate e di organizzare l'accoglienza dei consumatori e dei turisti con eccellenze e prodotti di grande qualità.

 

Comunque buongustai e curiosi dei sapori locali e di altre Regioni, possono trovare "di tutto e di più" passeggiando sotto il grande tendone dove si sono radunati una larga parte degli espositori della Mostra-Mercato dei prodotti tipici, dove si trovano dolciumi siciliani e frutta romagnola, salami  e formaggi della Valle Camonica. E poi, fino a piazza Almerici ci sono una serie di altre prelibatezze di qualità. A cominciare dalla decina e decine di praline, confezioni, e squisitezza di cioccolato in tutte le forme possibili, fino alle maxi mortadelle, "passando" dalle specialità del Sud Tirolo fino alle mozzarelle di bufala campana DOP.

 

In un tripudio che, dopo essere stati a tavola all'Osteria, consente di portarsi a casa prodotti squisiti, a volte di difficile reperimento (si pensi alla Nduja calabrese), che ben figurano nella propria "dispensa", regalando, allo stesso tempo un piacere raffinato al palato. Infine, si ricorda che fino al 14 novembre è valida la proposta di 15 ristoranti del territorio che hanno predisposto Menù promozionali in occasione della rassegna, a prezzo concordato, che comprende bevande e caffè.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -