Cesena, parte "Piedibus": dalla teoria alla pratica

Cesena, parte "Piedibus": dalla teoria alla pratica

Cesena, parte "Piedibus": dalla teoria alla pratica

CESENA - Due incontri per imparare a "Organizzare un Piedibus". In vista dell'avvio - previsto per la prossima primavera - dell'iniziativa che inviterà gli alunni di alcune scuole dei quartieri Oltresavio e Valle Savio a raggiungere a piedi il loro istituto, l'assessorato alla Sostenibilità ambientale del Comune di Cesena organizza un mini-corso di preparazione, rivolto particolarmente a genitori, insegnanti e volontari, ma aperto anche a tutta la cittadinanza.

 

L'iniziativa è promossa in collaborazione con i quartieri Oltresavio e Vallesavio, l'associazione Dante Alighieri e le scuole primarie del II Circolo Didattico. L'obiettivo degli incontri è duplice. Da un lato, porre le basi concrete per organizzare i tre Piedibus previsti, distribuendo i compiti e definendo i metodi da seguire per promuovere l'iniziativa nelle classi. Ma sarà anche l'occasione per illustrare gli scopi dell'iniziativa e il lavoro preparatorio svolto ai cittadini, ai rappresentanti di altri istituti scolastici e di altri quartieri intenzionati a intraprendere la stessa strada, sulla spinta delle molteplici richieste arrivate in questo senso. Hanno già segnalato, infatti, il proprio interesse al riguardo le scuole del 4° Circolo, i quartieri Cesuola, Fiorenzuola, Al Mare, Rubicone.

 

Il primo appuntamento è per mercoledì 26 gennaio, alle ore 20.30, nella sala del quartiere Oltresavio di piazza Anna Magnani. A introdurre l'incontro sarà l'assessore alla Sostenibilità Ambientale Lia Montalti che spiegherà cos'è un piedibus e illustrerà la metodologia, le motivazionie  i contenuti del progetto. A seguire gli interventi di Agela Riceputi, insegnante della scuola primaria di San Vittore che parlerà delle "Esperienze scolastiche per l'educazione stradale e ambientale dei bambini", e di Barbara Casadei, dirigente del 7° circolo della scuola primaria di Forlì che presenterà "L'esperienza di Forlì: un percorso per l'autonomia dei bambini casa scuola".

 

Il secondo incontro è fissato per mercoledì 2 febbraio, sempre alle 20.30, nella sala di piazza Anna Magnani. In scaletta gli interventi di Sara Giorgini dell'Associazione Culturale Genitori "Dante Alighieri" che parlerà di "Organizzazione ed avvio dei Piedibus, quali strumenti e quali modalità", dell'ispettore Mirco Manzi della Polizia Municipale di Cesena, che affronterà il tema "Sicurezza ed educazione stradale dei bambini" e di Paola Barbieri, rappresentante dei genitori volontari, che spiegherà "Come si organizza un Piedibus, il ruolo dei genitori e dei volontari".

 

"L'esperienza dei piedibus - ricordano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore alla Sostenibilità Ambientale Lia Montalti - si pone come prosecuzione del progetto regionale "Percorsi sicuri casa-scuola", a cui il Comune di Cesena ha aderito fin dal gennaio 2010. Da allora è partita un'intensa attività propedeutica, con il coinvolgimento di 5 scuole del quartiere Oltresavio. In prima battuta è stata realizzata un'indagine sulle modalità di spostamento dei bambini e dei ragazzi per raggiungere la scuola, con l'obiettivo di individuare i comportamenti più diffusi e le criticità percepite nel tragitto casa-scuola. Sono stati raccolti oltre 1.500 questionari, con le risposte di alunni, genitori ed insegnanti. E' stata poi sviluppata una serie di attività, in stretta collaborazione con i dirigenti e gli insegnanti delle scuole elementari di Villarco, San Vittore e dell'Oltresavio. Circa 300 ragazzi sono stati coinvolti in incontri, laboratori didattici e uscite di classe, imperniate sui temi della sostenibilità ambientale e del rispetto delle regole stradali. Spostarsi a piedi o in bicicletta rappresenta un contributo importante per combattere l'inquinamento atmosferico, ma per farlo in tutta tranquillità occorre garantire la sicurezza stradale, ed è su questo duplice aspetto che si concentra il nostro impegno".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -