CESENA - Pecoraro Scanio ha inaugurato 'Agrofer', salone delle energie rinnovabili

CESENA - Pecoraro Scanio ha inaugurato 'Agrofer', salone delle energie rinnovabili

CESENA – Il ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, ha inaugurato giovedì mattina al Centro congressi di Pievesistina (Cesena), ‘Agrofer’, il Salone dedicato alle energie rinnovabili. “Un settore strategico – ha detto il ministro - perché ci troviamo davanti ad un cambiamento climatico, che sta avendo una accelerazione le cui conseguenze saranno catastrofiche”. La rassegna proseguirà anche venerdì (fino alle 19) e si concluderà sabato alle 14.


“Agrofer” in 10 mila metri quadrati di esposizione fornisce una panoramica pressoché completa di tutto il mondo delle energie da fonti rinnovabili.
E su richiesta degli espositori gli organizzatori hanno consentito che la chiusura avvenisse sabato 31 marzo alle ore 14 invece di venerdì 30, quindi una occasione in più per visitare il “Salone delle Agroenergie, Risparmio energetico, bioedilizia”.
«Un settore strategico –ha sostenuto Alfonso Pecoraro Scanio, inaugurando giovedì 29 marzo la rassegna- perché ci troviamo di fronte ad un evento, come il cambiamento climatico, che sta avendo una accelerazione le cui conseguenze saranno catastrofiche. Dobbiamo adattarci a questo cambiamento cercando di attenuarne le cause. Non dico che dovremo puntare a impianti ad impatto ambientale zero, ma certo ad impianti a emissione zero di anidride carbonica. Di qui derivano le scelte, che occorre fare al più presto. Basti pensare alla comunità Europea che entro il 2020 vuole raggiungere il 20% di energie prodotte da fonti rinnovabili in tutti i 27 Stati. Un obiettivo che stimola l’Italia. Non a caso ho richiamato Rubbia come consulente del Ministero, ho sbloccato il Progetto Archimede per il quale l’Enel da lunedì ricomincia a realizzare la centrale termosolare. E ho la speranza che l’Enel lavori meno con il carbone e più con il solare».


A questo punto il Ministro non ha risparmiato una frecciatina ad Hera, la quale aveva presentato le sue realizzazioni di impianti idroelettrici, compost, ecc.: «Spero che Hera punti di più sulla raccolta differenziata e su maggiori impianti da fonti rinnovabili –ha detto Pecoraro Scanio- così come vorrei che l’ENI cambiasse nome in Ente nazionale Innovazione». Al di là delle battute, il Ministro ha sottolineato che occorre impegnarsi nel solare (dove prevede di passare da una produzione di 30 a quella di 3.000 megawatt), vista anche la posizione geografica dell’Italia. Ma occorre compiere delle scelte anche per le biomasse, ad esempio puntando su quelle coltivazioni che non richiedono troppe cure (concimi, molta acqua, ecc.) e lo stesso l’eolico va programmato. Pecoraro Scanio si è detto convinto che molte opposizioni alla realizzazione di impianti di energie pulite vengano da scelte “disordinate” di tali istallazioni. Poi. è stato molto preciso: «le agroenergie devono essere prodotte dai nostri agricoltori e servire a rilanciare le loro imprese. Abbiamo già avuto troppe agrotruffe e non accetteremo impianti che bruciano truciolato proveniente dal Brasile».


Pecoraro Scanio ha visitato AGROFER e si è interessato alle innovazioni: dalla Bioedilizia portata dalla CNA Econaturale agli impianti di Hera, dai riduttori di flusso d’acqua (25-30% in meno - che sono in distribuzione ai visitatori negli stand di Enel e di Hera assieme a lampade a basso consumo) ai vari sistemi di termoisolamento. Una sincera meraviglia lo ha coinvolto osservando e provando oggetti a energia solare (dalla macchinina al ventilatore che ricorda una pala eolica). Infine, si è mostrato interessato allo stand della Centrale-Osservatorio Agroambientale quando gli è stata raccontata l’esperienza della prima Biofabbrica italiana, realizzata da questo ente di Cesena.


Da sottolineare che nel corso del Convegno “Politiche di programmazione e sviluppo per le rinnovabili in Italia” il parlamentare Sandro Gozi aveva avanzato la proposta ai romagnoli di trasformare un piccolo Comune di 4-5.000 abitanti nel primo Comune completamente autosufficiente con la produzione di energie rinnovabili.


AGROFER è organizzata da Cesena Fiera e Centrale-Osservatorio Agroambientale e si prefigge lo scopo «di informare, promuovere e divulgare le tecnologie e le opportunità offerte dalle energie da fonti rinnovabili –come ha sottolineato Domenico Scarpellini, Presidente di Cesena Fiera salutando il Ministro e le autorità- con una particolare attenzione nel sensibilizzare ancor di più il settore agricolo al fine di superare anche nel nostro territorio lo svantaggio che l’Italia presenta rispetto agli altri stati».


Non a caso ad AGROFER è possibile farsi spiegare quali sono i vantaggi immediati e quelli a più lunga scadenza per la produzione di energia (termica o elettrica) in alternativa ai combustibili fossili. Fra gli espositori c’è anche un Istituto di credito che illustra come accedere a contributi, agevolazioni e finanziamenti che sono stati predisposti (anche nell’ultima Finanziaria).
Varie classi scolastiche hanno visitato la rassegna. Ad esempio è stata presentata alle scolaresche la valigia del risparmio energetico, un kit per valutare dispersioni e risparmi elettrici (elettrodomestici, intensità luminosa, ecc). Infine, tutti possono ammirare lo stand di PESEA, il Parco educativo sperimentale che sorge su 7 ettari a Bagnile di Cesena, con coltivazione di piante autoctone, produzione di energia eolica, fotovoltaica. E’ una Oasi energetica dove si possono apprendere le tecniche rinnovabili, fornire un percorso didattico e realizzare studi e sperimentazioni.

Programma incontri - Venerdì 30 marzo

Ore 10.00, Sala Europa, Convegno La valorizzazione delle biomasse ad uso energetico sul territorio provinciale”.
Ore 10, Sala Verde, workshop Il risparmio energetico: agevolazioni finanziarie e incentivi”.
Ore 12 in Sala Verde workshop Fotovoltaico, eolico: opportunità economiche e prospettive di sviluppo”.
Ore 14.30, Sala Europa Accettabilità sociale degli impianti energetici”.
Ore 15.30, Sala Verde, seminario “Energie rinnovabili: educazione, formazione e informazione”.
AgroFer
è realizzata in collaborazione con C.R.P.V, Centuria-Rit, AGESS, C.I.S.E, ENEA-ERG, Istituto Nazionale di Bioarchitettura, CNA Econaturale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni: Cesena Fiera tel. 0547 317435



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -