Cesena: più sangue e meno consumi nel Cesenate

Cesena: più sangue e meno consumi nel Cesenate

Cesena: più sangue e meno consumi nel Cesenate

CESENA - Pollice alto per le donazioni di sangue nel territorio cesenate. Il 2010 si chiude infatti con un risultato abbastanza soddisfacente: a oggi sono state donate 10.082 unità di sangue intero contro le 9.940 dello stesso periodo del 2009 e, stando alle previsioni della Medicina Trasfusionale dell'Ausl di Cesena, entro la fine dell'anno saranno raggiunte le 10.300 unità di sangue intero. In particolare, nel 2010 sono state utilizzate 9.102 unità rispetto alle 8.607 trasfuse nel 2009.

 

"L'anno - rivela la dottoressa Rita Santarelli, direttore dell'unità operativa di Medicina Trasfusionale - non era iniziato nel migliore dei modi. Nei primi quattro mesi le richieste di sangue nel nostro territorio erano aumentare del 12% rispetto allo scorso anno. Insieme ai medici dei reparti interessati abbiamo studiato le motivazioni di tale incremento, in parte riconducibile all'aumento della popolazione anziana, alla necessità di assistere varie unità operative che vedono crescere sempre più le loro competenze e al fatto che il Bufalini è centro di riferimento per le emergenze traumatologiche per la Romagna. Insieme ai diversi professionisti abbiamo condiviso alcuni protocolli per l'uso di farmaci stimolanti la produzione dei globuli rossi in alcuni pazienti candidati a interventi chirurgici. Al momento l'aumento delle richieste di sangue è stato limitato al 6,5% rispetto al 2009 e nei prossimi mesi sarà possibile un'ulteriore flessione dei consumi, anche se siamo consapevoli che l'incremento delle trasfusioni costituisce una peculiarità  comune a quasi tutti i Servizi Trasfusionali della nostra Regione".

 

La maggior parte delle richieste di unità di sangue proviene dal Dipartimento di Emergenza (Pronto Soccorso, Rianimazione e Centro Grandi Ustionati) e dal Dipartimento di Medicina Internistica (Day Hospital ematologico e Geriatria), con i quali la Medicina Trasfusionale collabora costantemente per il perfezionamento continuo  dell'uso clinico di tutti gli emocomponenti.

Nel 2010 i donatori di sangue attivi nel territorio risultano 5.941, a testimonianza dell'alto senso civico che caratterizza i cesenati. L'indice di donazione annuale è dell'1,7 (media di donazioni per donatore), un dato che risulta essere un po' basso rispetto agli obiettivi regionali.

"I donatori di sangue cesenati - sottolinea il presidente dell'Avis comunale di Cesena Giorgio Vicini - hanno sempre risposto con estrema generosità alle necessità trasfusionali dei pazienti dell'Ausl di Cesena e l'aumento della raccolta lo dimostra. Per migliorare ulteriormente sentiamo l'esigenza di invitare tutti i donatori a far si che il loro diventi un gesto sempre più abituale. Mentre a tutti gli altri cittadini suggeriamo di pensare, tra i tanti regali di questi giorni, anche a un piccolo dono che non richiede nessuna spesa, ma è certo assai prezioso per chi potrà beneficiarne".

 

Chi è interessato a diventare donatore può rivolgersi al Servizio Trasfusionale  dell'Ospedale Bufalini (Viale Ghiotti, tel. 0547/352925 - 352924), alla sede Avis del Bufalini (viale Ghiotti, tel. 0547 / 352615) o alla sede Avis di via Serraglio n° 14 (tel. 0547/ 613193).

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -