Cesena: più semplici per domande per avere aiuti dal Comune

Cesena: più semplici per domande per avere aiuti dal Comune

Cesena: più semplici per domande per avere aiuti dal Comune

CESENA - Dichiarazioni più semplificate ed immediate per chi deve presentare domande per le provvidenze pubbliche. Dal 1 gennaio 2010 - sulla base di una convenzione che sarà siglata a breve - il Comune affida ai Caaf il compito di fornire ai cittadini interessati consulenza e aiuto per la compilazione della dichiarazione Isee e dei moduli di domanda per accedere ad alcune forme di contributi e di agevolazioni tariffarie.

 

Saranno gli stessi centri a trasmettere, poi, le domande compilate agli uffici comunali. In questo modo i cittadini avranno un unico referente a cui rivolgersi per predisporre tutta la documentazione e si risparmieranno anche il viaggio a Palazzo Comunale per consegnare la pratica.

 

Non solo: grazie al software messo a disposizione dal Comune, i Caaf potranno compiere visure nella banca dati anagrafica comunale, e questo semplificherà la fase di compilazione e, al tempo stesso, consentirà un rapido accertamento circa la composizione del nucleo famigliare richiedente. Questa possibilità di controllo dei dati anagrafici è estesa anche ad altri servizi offerti dai Centri di assistenza fiscale. Di solito, per consentire questi controlli era necessaria l'esibizione di certificati anagrafici (circa 2000 quelli richiesti ogni anno). Quando il sistema sarà a regime, non saranno più necessari: anche in questo caso, dunque, minori incombenze per gli utenti.

 

"Si tratta di una grande innovazione - sottolineano con soddisfazione il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore ai Servizi Sociali Simona Benedetti - che va, soprattutto, incontro alle esigenze dei cittadini. Oltre all'evidente risparmio di tempo e di spostamenti, ci sono anche altri vantaggi: i Caaf sono diversi e presenti in più punti del territorio comunale, inoltre hanno un orario di apertura più ampio. Tutto queste contribuisce a rendere più facile l'accesso agli sportelli".

 

E ancora: "Ma anche gli uffici Comunali trarranno beneficio da questa nuova organizzazione: potranno avvalersi di una collaborazione competente e preziosa e sgravarsi di un peso notevole. Basti dire che, ogni anno sono circa 2500 le pratiche di questo tipo per le quali gli addetti comunali offrivano assistenza. Alla convenzione hanno aderito: Caf Società Teorema - Cgil, Caf Cisl, Caf Uil, Caf Cna, Caf Acli, Caf Cia C.A.M. Coop. Agricoltura Moderna, Caaf Confartigianato.

 

I procedimenti amministrativi per i quali è prevista questa nuova forma di collaborazione sono: contributi per famiglie numerose; Tariffa sociale;  Fondo sociale per l'affitto; Contributi per l'accesso diritto allo studio (richiesta, esenzione/riduzione tariffe mense, trasporti, pre/post-scuola);   Assegno per il nucleo familiare; Assegno di Maternità; Agevolazioni nazionali sull'utenza elettrica e gas (SGATE). Il servizio offerto dai Centri rimane completamente gratuito per gli utenti. Sarà  il Comune a versare ai Caaf un rimborso (che oscilla fra i 2,50 euro e i 12 euro, a seconda del tipo di domanda) per ogni documento compilato e consegnato, ad esclusione delle dichiarazioni Isee, i cui rimborsi sono a carico dell'Inps.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -