Cesena, presentazione del libro "Disturbo borderline di personalità"

Cesena, presentazione del libro "Disturbo borderline di personalità"

CESENA - Focus su un disturbo piuttosto diffuso ma poco conosciuto, causa di una  situazione di sofferenza psichica grave e invalidante. Venerdì 11 marzo, alle ore 18, alla libreria Feltrinelli di Cesena (piazza della Libertà 4) sarà presentato il libro Disturbo borderline di personalità: continuità e discontinuità nel trattamento, a cura di Michele Sanza, direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'Ausl di Cesena, Fabrizio Asioli, direttore della rivista Psichiatria di Comunità e Luigi Ferrannini, segretario nazionale della società italiana di psichiatria.

All'incontro interverranno Michele Sanza, Pier Francesco Galli, condirettore della rivista Psicoterapia e Scienze Umane e Luciano Ragno, giornalista scientifico e docente di comunicazione all'Università di Teramo.

 

Secondo gli studi epidemiologici europei, il disturbo borderline di personalità interessa tra l'1 e il 2,5% della popolazione. I suoi sintomi - impulsività, instabilità affettiva e disturbi dell'identità - si riflettono su una molteplicità di comportamenti con conseguenti importanti distorsioni nelle relazioni affettive e nella vita sociale della persona affetta.

 

"Rispetto al passato - spiega il dottor Michele Sanza - la prognosi generale di questa psicopatologia è fondamentalmente buona, in particolare per ciò che concerne gli aspetti clinico sintomatologici. Nonostante ciò, il peso del disturbo borderline rimane elevato a causa della frequente compresenza con altre patologie, prima fra tutte la depressione, ma anche l'abuso di sostanze e i disturbi dell'alimentazione".

 

Il tasso dei suicidi  tra le persone con disturbo borderline di personalità è il più elevato in assoluto rispetto a tutte le altre patologie di interesse psichiatrico: dall'8 al 10% contro il 4,5% della schizofrenia e il 3,5% del disturbo bipolare. A questi aspetti vanno sommate le sofferenze individuali e familiari derivanti dalle prospettive del fallimento sociale cui chi ne è affetto va spesso incontro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A dispetto dell'importanza che il disturbo borderline di personalità ha assunto - continua Sanza -  i servizi di salute mentale se ne occupano poco e con metodi spesso non adeguati. La difficoltà nel fare diagnosi, la necessità di modelli di intervento che sfidano la tradizionale organizzazione dell'assistenza, nonché un diffuso pregiudizio sui disturbi di personalità, ostacolano il pieno riconoscimento dell'effettiva priorità del disturbo borderline di personalità nella clinica, nella ricerca e nei programmi vocazionali della salute mentale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -