CESENA - Primi passi per i lavori di restauro delle mura cittadine

CESENA - Primi passi per i lavori di restauro delle mura cittadine

CESENA - Valorizzare una parte del patrimonio storico di Cesena e salvaguardarlo dall’azione del tempo: sono questi gli obiettivi del progetto definitivo, approvato la scorsa settimana dalla giunta comunale, che prevede la sistemazione delle mura cittadine mediante lavori di manutenzione e conservazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In particolare - sottolinea il sindaco di Cesena Giordano Conti - abbiamo approvato i lavori di restauro relativi a diversi tratti delle mura prospicienti i Giardini di Serravalle e il Giardino 20 ottobre 1944 di via IX Febbraio. Tali interventi rientrano nell’ambito di una serie di opere di salvaguardia della struttura muraria della città che, negli anni scorsi, hanno riguardato i tratti lungo via Padre Vicinio da Sarsina, viale Carducci e nei Giardini Savelli. Il nostro scopo è quello di proteggere e conservare questo importante patrimonio storico di Cesena. Le mura cittadine hanno un’origine molto antica e solo negli ultimi due secoli hanno subito le maggiori trasformazioni. Fino al XIX secolo la città, infatti, era ancora interamente racchiusa all'interno delle mura medioevali e solo durante gli ultimi anni dell'800 ha avuto inizio l'espansione urbana oltre le mura: lungo le vie Cervese e Ravennate, oltre il Savio nei pressi del Ponte Vecchio e, successivamente alla creazione della ferrovia nel 1861, a nord della città, lungo la fascia di territorio compresa tra la stazione ferroviaria e il fiume”.


Per l’attuazione dell’intero intervento il comune di Cesena metterà a disposizione la somma di 100mila euro. “In questo modo - aggiunge l’assessore ai Lavori Pubblici Marino Montesi - andremo a intervenire in quelle parti della cinta muraria che presentano uno stato di degrado avanzato ricostruendo quei punti delle mura in cui il paramento è parzialmente crollato. Andremo a compiere quindi un’integrazione dei mattoni mancanti, una ricucitura di quelli compromessi dall’erosione del tempo e una pulitura e stuccatura di tutto il paramento murario”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -