Cesena, questione Seaf. La Lega: "Il Comune ha abbandonato la barca"

Cesena, questione Seaf. La Lega: "Il Comune ha abbandonato la barca"

Cesena, questione Seaf. La Lega: "Il Comune ha abbandonato la barca"

CESENA - "Il disimpegno del Comune di Cesena dalla Seaf, la società che gestisce l'aeroporto di Forlì, fortemente voluto dal sindaco Lucchi, lascia dietro di sé una scia di perplessità". A sostenerlo è Antonella Celletti, capogruppo della Lega Nord, che commenta così la decisione dell'amministrazione comunale di opporsi all'aumento di capitale della Seaf. "Il Comune di Cesena ha abbandonato la barca in mezzo al guado, la Lega è stata l'unica a votare contro questa decisione".

 

"Abbandonare la barca in mezzo al guado - dice Celletti - quando ancora non si sa se il piano industriale per il rilancio dello scalo avrà successo o meno, sia un atto poco coraggioso e lungimirante. E dire che la Giunta Conti aveva sostenuto a spada tratta questo piano, fino alla fine della passata legislatura. Nonostante la maggioranza sia sempre dello stesso colore, il neosindaco Lucchi ha fatto della discontinuità la propria bandiera, ma ha anche giustificato questa scelta in modo poco credibile. I denari risparmiati dal mancato ripiano delle perdite e dalla non ricapitalizzazione della Seaf, circa 90.000 €, li destinerà alle persone in difficoltà".

 

"L'idea, insomma, è quella di togliere risorse ad un'infrastruttura strategica per il futuro dell'area cesenate e forlivese, che, sebbene in difficoltà gravi, potrebbe risollevarsi creando un indotto positivo per la nostra economia, per riversarli in assistenzialismo a fondo perduto. Una spiegazione che non convince. Ci chiediamo infatti per quali ragioni, prima della delibera sulla Seaf, la maggioranza abbia approvato un esborso di ben 300.000 € per l'acquisto di un terreno, di cui la Giunta, almeno a parole, non sa ancora cosa fare. All'apparenza, quindi, risorse ingenti buttate in un acquisto inutile ed improduttivo, con buona pace della chiarezza e della coerenza".

 

"E paradossalmente è invece proprio il PD che accusa la Lega di scarsa coerenza. Come dire il bue che dà del cornuto all'asino. Nella scorsa legislatura, infatti, io stessa non votai una prima copertura delle perdite dell'aeroporto (era il 16 ottobre 2008) perché mancava ancora un piano industriale credibile e perché ero critica verso gli errori fatti dai soci pubblici Seaf, a partire dalla Regione. Ma, una volta conosciuto il piano industriale, nella seduta del 27 gennaio 2009, il mio gruppo si astenne dando fiducia alla nuova gestione. Ora rimane la curiosità di capire le vere ragioni della fuga dalle responsabilità della Giunta Lucchi e gli obiettivi che egli si propone. Per altro ci sembra, con non poca preoccupazione, che nella provincia bicefala Forlì-Cesena, la seconda sia scritta in caratteri sempre più piccoli".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Unodeitanti
    Unodeitanti

    Dopo tante parole di dissenso con la Celletti finalmente oggi mi trovo d'accordo con lei quando paragona la Lega all'ASINO !!! Dopo la PORCATA di Calderoli, l'ASINO della Celletti. Ecco la Lega degli Animali

  • Avatar anonimo di Pinhead
    Pinhead

    Ma Celletti, dopo che alla proposta del meridionalpadano Aprigliano di fare quel demenziale parco tematico "Volare", sindaco e assessori di Forlì non si sono sbellicati dalle risate, Cesena ha ragionevolmente deciso di lasciarli al loro destino.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -