CESENA - Ritornano le domeniche in Pinacoteca

CESENA - Ritornano le domeniche in Pinacoteca

CESENA - Cinque appuntamenti per giocare con l’arte, pensati per i bambini, ma che divertono anche gli adulti. Da domenica 27 gennaio tornano le “Domeniche in Pinacoteca”, giunte ormai alla quarta edizione. E quest’anno, visto il successo degli anni precedenti, l’esperienza si allunga, con un appuntamento in più in programma. L’iniziativa, promossa dall’assessorato alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di Cesena, propone pomeriggi di intrattenimento, narrazioni e giochi all’interno dei locali della Pinacoteca Comunale (in via Aldini, 26) prendendo spunto dalle grandi opere d’arte del passato, comprese quelle esposte proprio nella nostra Pinacoteca. A condurre gli incontri saranno Claudio Cavalli, Lucia Godi e il gruppo Clac, da anni attivi nell’ambito della divulgazione nel campo dell’arte. Ogni domenica proporrà un tema diverso, utilizzando strutture e giochi originali, unici nel loro genere, ideati e realizzati dal gruppo Clac e presentati in musei e città d’arte italiane ed europee.


Le Domeniche in Pinacoteca sono pensate in particolare per le famiglie; i percorsi durano circa 1 ora e 30’ e sono rivolti ai bambini dai 5 anni in avanti, ai ragazzi, ma anche agli adulti.


Per ogni pomeriggio sono previsti due turni: uno a partire dalle ore 15,30 e uno a partire dalle 17,30. Tenuto conto che i posti a disposizione sono limitati, è necessario prenotarsi telefonando all’Ufficio Turistico del Comune di Cesena (tel. 0547/356327). La partecipazione è gratuita.


Gli appuntamenti con le Domeniche in Pinacoteca sono fissati per il 27 gennaio, il 3 febbraio, il 10 febbraio, il 17 febbraio, 21 febbraio.


Ogni domenica sarà sviluppato un filo conduttore diverso.

Il 27 gennaio il tema sarà “Caccia al quadro”: i partecipanti saranno invitati a scoprire la pinacoteca di Cesena con una mappa, dettagli da identificare, interrogativi da sciogliere, elementi da comporre, storie indovinello. Da fare in famiglia o piccoli gruppi.


Domenica 3 febbraio si parlerà di “Storie, lavori e giochi nei tempi medievali”. Al centro dell’attenzione dipinti con duelli di cavalieri, avventure, lavori nei campi e vita di corte per un percorso che si dipana fra draghi di S. Giorgio e vicende di casa Malatesta.


Domenica 10 febbraio sarà dedicata a “Quadri, enigmi ed enigmistica”: misteri, segni nascosti, formule scientifiche, anamorfosi, idee da all’inquisizione, messaggi in codice, pensieri matematici, enigmi ed pittori nascondevano qualcosa nei loro quadri per gioco, per paura, capire solo da qualcuno, per fare ammattire gli spettatori a cercare spiegazioni.


Domenica 17 febbraio si cercherà di dare una risposta alla domanda “Che cosa fanno i bambini e i ragazzi nei quadri dei grandi?”. I piccoli nei quadri, soprattutto nei quadri antichi, sono una rarità, ma quando ci sono offrono spunto a scoperte di curiosità, dettagli, storie inconsuete.


Infine, domenica 24 febbraio il tema sarà “Identikit per ritratti: singoli e di famiglia”. I ritratti sono come identikit nei quali i pittori rappresentano i personaggi, con i loro caratteri, tic, vestiti, oggetti importanti o preferiti, pensieri e sentimenti. Anche noi possiamo farci un ritratto, magari di famiglia in un interno: con la macchina fotografica, una buona luce e una stampante a colori.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -