Cesena, sanità: parte lo studio sulla percezione della qualità del servizio di Terapia Intensiva

Cesena, sanità: parte lo studio sulla percezione della qualità del servizio di Terapia Intensiva

CESENA - Prende il via martedì 3 novembre la nuova iniziativa promossa dall'Ausl di Cesena e dall'Agenzia Sanitaria e sociale regionale per avviare un'importante studio sulle impressioni dell'esperienza di degenza dei ricoverati nel reparto di terapia intensiva e dei loro famigliari.

Scopo dell'inchiesta, che fa parte di un progetto regionale finalizzato all'acquisizione di informazioni da parte del cittadino circa la qualità del trattamento ricevuto, è scoprire i pareri e le valutazioni di chi ha vissuto un'esperienza così delicata come il ricovero in terapia intensiva in relazione a diversi aspetti dell'assistenza che ha ricevuto (i medici e gli infermieri del servizio, le informazioni ricevute, gli ambienti, il rispetto della privacy). Lo studio si rivolge quindi a chiunque abbia avuto l'esperienza di un ricovero in terapia intensiva e ai parenti delle persone ricoverate: la partecipazione è del tutto volontaria, viene richiesto il consenso a partecipare allo studio ma tutto si svolge in forma anonima e nella più completa riservatezza.

 

"L'U.O di Rianimazione e Terapia Intensiva del nostro ospedale ha collaborato con l'Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale nella progettazione di questo studio allo scopo di migliorare la nostra "performance tecnica" ma anche con l'intento di considerare gli aspetti del coinvolgimento umano di pazienti, parenti e anche degli stessi professionisti" - spiega il dott Emiliano Gamberini dell'U.O Anestesia e terapia Intensiva, referente del progetto. "Pare infatti emergere dalla letteratura scientifica internazionale come una corretta valutazione di questi aspetti si rifletta anche sull'effettivo miglioramento delle condizioni cliniche del paziente e su una migliore percezione da parte dei famigliari del lavoro svolto dai professionisti".

 

Chiunque decida di partecipare all'indagine verrà contattato, al momento del trasferimento presso un altro reparto di degenza, da un intervistatore del personale volontario dell'ASSIPROV delle Province di Forlì-Cesena che effettuerà un'intervista, della durata di circa 30 minuti, grazie alla quale l'intervistato potrà rispondere alle domande contenute nel questionario. Il questionario per i degenti contiene 24 domande mentre quello per i famigliari 20. L'intervista ha una durata di circa 30 minuti. I risultati verranno utilizzati per individuare quegli aspetti che i pazienti in terapia intensiva ed i loro parenti ritengono più importanti mentre le valutazioni sui livelli di qualità del servizio consentiranno di migliorare eventuali aspetti critici che potrebbero emergere. I risultati dello studio saranno oggetto di una pubblicazione e inviati a riviste scientifiche e di divulgazione.

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -