Cesena, Sapro. Angeli (Pli): "Avevo segnalato il caso un anno fa"

Cesena, Sapro. Angeli (Pli): "Avevo segnalato il caso un anno fa"

Torna oggi di attualità la questione Sapro, la società pubblica che avrebbe dovuto gestire le aree produttive di Cesena e Forlì, la cui situazione viene oggi presentata come sull'orlo del fallimento. Un anno fa però fu il sottoscritto a sollevare il problema con la richiesta di una commissione consiliare e con una interpellanza in consiglio comunale. Già allora la situazione si presentava drammatica con un'esposizione bancaria della società che si aggirava sui 100 milioni di Euro, con un costo annuo per soli interessi di quasi 6 milioni.

 

Già allora i comuni di Cesena e Forlì avevano dovuto farsi pubblicamente garanti della società verso le banche per sbloccarne i crediti. Una situazione che aveva portato anche al licenziamento del direttore generale poche settimane prima. Il presidente di Sapro Vittorio Croci in commissione non negò i problemi di bilancio, ma annunciò che il peggio era passato e che più che recriminare sulle passate gestioni era meglio guardare con fiducia nel futuro. Anche l'allora assessore Miserocchi in consiglio comunale parlò di una situazione in via di risoluzione che non sarebbe pesata sui bilanci del comune.

 

Naturalmente io non fui soddisfatto né delle risposte del presidente di Sapro né di quelle dell'assessore che non spiegavano affatto come la società potesse uscire dalla situazione finanziaria disastrosa in cui si trovava, non spiegavano i ritardi nell'avvio delle aree produttive cesenati e non spiegavano nemmeno perché una società pubblica, creata appositamente per gestire aree produttive a prezzi controllati, avesse invece pesantemente invaso il mercato immobiliare che nulla aveva a che vedere con i suoi scopi societari. Lo stesso presidente Croci in commissione ammise come almeno il 30% degli investimenti Sapro non riguardassero aree produttive, ma bensì il mercato immobiliare come qualunque società immobiliare privata. Ricordo che allora, in un intervento sulla stampa auspicai che la magistratura intervenisse a far luce su una situazione che può costare molto cara al contribuente dei comuni di Forlì e Cesena.

Stefano Angeli
segretario del partito Liberale Italiano di Cesena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -