Cesena, Sapro. Celletti (Lega): "La sinistra non si autoassolva dalle responsabilità"

Cesena, Sapro. Celletti (Lega): "La sinistra non si autoassolva dalle responsabilità"

CESENA - Sapro è fallita e l'abbiamo appreso dai giornali. Il 26 novembre scorso il sindaco ed il vicesindaco di Cesena avevano inviato una lettera ai capigruppo consigliari ribadendo la loro volontà di condivisione delle informazioni. Solo quattro giorni dopo, a quanto sembra, il decreto di fallimento della società. Ma nessuno, a quanto pare, ne è stato messo a conoscenza fino alla mattina del 7 dicembre, almeno a sentire la stampa . Difficile da credere, soprattutto considerando che il Comune di Cesena è socio al  33%. La situazione è disastrosa, ma non è un fulmine a ciel sereno. Nel lungo comunicato redatto dai soci, infatti, si evidenzia solo la loro opera ed il loro impegno, a partire dal giugno 2009, per far uscire la società pubblica dalla fase critica e per risanarla. Ma le operazioni sono andate a rilento, fino a che il PM non ha presentato l'istanza di fallimento.

 

Ed oggi  ci troviamo con l'amaro epilogo della storia. Una storia che certamente avrà ricadute drammatiche sul sistema produttivo ed economico locale, ma che ha soprattutto dei responsabili riconoscibili nella classe politica di sinistra che amministra questo territorio da decenni e che ha permesso, pur essendone pienamente consapevole, che la situazione si perpetrasse nel tempo, fino al precipitare degli eventi. Inutile oggi tuonare contro le opposizioni che, nel corso degli anni, avevano con lungimiranza contestato pubblicamente la gestione della Società. Gli errori su Sapro - dicono ora i vertici del Pd ed i loro alleati - hanno radici nel passato. Mica tanto, si tratta in realtà di un arco di tempo relativamente breve, che non assolve dalle responsabilità  l'attuale establishment del Pd che amministra in perfetto continuismo con questo passato. E' giunto il momento per questa classe politica, sempre pronta a giudicare criticamente gli avversari, di dimostare il proprio coraggio ed il proprio carattere nel chiarire, senza infingimenti, ogni risvolto di questa vicenda. In caso contrario,  dovremmo seriamente porci il problema di come e da chi siamo amministrati. 

 

Antonella Celletti, capogruppo Lega Nord

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di miky
    miky

    Neppure la destra si può autoassolvere. Non dite che non sapevate, che non avete visto. E se volte fare il vostro dovere, andate a vedere tutte le altre partecipate, e cercate di salvare un pò dei nostri soldi finchè siamo ancora in tempo. Una domanda, adesso che il comune parte col fotovoltaico, non è che fra dieci anni ci troviamo a dover ripianare un'altra voragine, e a sentirvi dire che nesuno ne sapeva niente? Voi non ne sapete niente, Di Maio dice che erano "quelli di prima". Almeno abbiate "TUTTI" un pò di rispetto per chi vi ha eletto.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -