Cesena, scatta la guerra contro la zanzara tigre

Cesena, scatta la guerra contro la zanzara tigre

CESENA - L’estate e il vero caldo devono ancora arrivare, ma a Cesena è già iniziata la guerra alla zanzara tigre. Tanti sono infatti i tipi di intervento, per un costo complessivo di circa 178mila euro, che il Comune attuerà nel territorio cesenate, da aprile fino a ottobre, per contrastare la diffusione dell’Aedes albopictus, l’insetto meglio conosciuto come zanzara tigre che nel 2007 è stato veicolo di diffusione del virus Chikungunya nel territorio romagnolo.


"Per contrastare in modo sempre più efficace la diffusione della zanzara tigre – dichiara il sindaco Giordano Conti – oltre agli interventi di disinfestazione programmati dalla Regione Emilia Romagna nelle zone colpite dal virus Chikungunya durante l’estate del 2007, il Comune di Cesena ha messo a punto per la nostra città altre due azioni straordinarie. La prima, avviata nel mese di marzo, è la sperimentazione di un nuovo tipo di disinfezione, studiata all’Università di Bologna e basata sull’uso di una soluzione di ipoclorito di sodio (cioè la candeggina), che è stata portata avanti su circa 29mila caditoie pubbliche presenti sul nostro territorio per distruggere la microflora che costituisce il nutrimento delle larve e le eventuali uova presenti in esse. La seconda è in corso in questi giorni a San Martino in Fiume, a Sant’Egidio, a Villa Chiaviche e alle Vigne, cioè le zone colpite lo scorso anno dal virus Chikungunya. Qui gli operatori della Gyco System Srl, la ditta che ha vinto il bando annuale per gli interventi di disinfestazione e derattizzazione, stanno portando avanti i trattamenti larvicidi nelle aree pubbliche e private, per rimuovere gli eventuali focolai larvali dai quali possono nascere le zanzare. Questo tipo di trattamento, che durerà una decina di giorni, sarà ripetuto tre settimane dopo la sua conclusione".


"Questi interventi straordinari – aggiunge l’assessore all’Ambiente Severino Bazzani – si aggiungono a quelli ordinari, che partiranno dal prossimo 1° maggio. Come lo scorso anno saranno effettuati interventi larvicidi periodici in tutti i fossati e le caditoie presenti sul suolo pubblico, mentre nei 32 cimiteri e nelle 90 scuole del nostro territorio verranno eseguiti interventi adulticidi. Allo stesso tempo porteremo avanti una campagna informativa, che prevede la distribuzione di volantini, l’invio di lettere e incontri pubblici, per diffondere la conoscenza sui comportamenti adeguati che i cittadini sono chiamati a tenere nelle aree private, per fare in modo che la lotta alla zanzara tigre possa essere pienamente efficace".



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -