Cesena, sciopero Orogel. I sindacati: ''Segnale forte''

Cesena, sciopero Orogel. I sindacati: ''Segnale forte''

CESENA - Il reparto Fresco dell'Orogel conosce lo sciopero nel mezzo della piena campagna di lavorazione dei prodotti ortofrutticoli. Se lunedì è stato proclamato lo stato d'agitazione martedì mattina i dipendenti in "camice blu" hanno scelto di entrare alle 9. Gli stabilimenti di Longiano e Gatteo si sono fermati quindi per un'ora. Secondo i sindacati, compatti sulla stessa linea, <è un segnale forte visto che è il primo sciopero che colpisce la cooperativa>.

 

Cosa chiedono i dipendenti? Il saldo dei premi di produzione che, nonostante siano previsti nel contratto di lavoro, si fa attendere da due anni. La presa di posizione di martedì quindi è frutto di un lungo corso che ha inizio nel 2009.

 

I sindacati. <Per andare incontro alle difficoltà del settore - ha detto Alessandro Scarponi della Uila Uil - nel contratto individuale è prevista una particolare forma di premio di produzione. Una parte è garantita mentre l'altra viene concessa solo se l'andamento del mercato è stato positivo>.  La cooperativa ha scelto di non  concedere nulla e, secondo le prime indiscrezioni, pare che manterrà questa posizione.

 

La motivazione del mancato pagamento sembra essere la crisi del comparto ma la Flai Cigl, rappresentata da Arturo Zani, avanza una domanda: <perchè le altre cooperative dello stesso settore hanno rispettato gli accordi?>. Il segretario della Fai Cisl Francesco Marinelli ha aggiunto: <chiediamo che la dirigenza abbia buon senso. Pagare i premi sarebbe un buon segnale per i dipendenti che hanno sempre dimostrato attaccamento al lavoro e contribuirebbe a non inasprire le relazioni sindacali incentivando l'uscita dalla crisi>.

 

I dipendenti. A detta dei sindacati, fuori dagli stabilimenti di Longiano e Gatteo c'erano tutti i dipendenti dei magazzini Orogel Fresco. Parlando con alcuni di loro sembra che il premio produzione - che si attesta sui 150 euro annui - sia la valvola di sfogo per il trattamento ricevuto più sul lato umano che su quello contrattuale.

 

<Se si prova a dire qualcosa ai capi magazzino la risposta è sempre la stessa: se non ti va bene vai a casa o torna al tuo paese> dice uno. <Sono venti anni che lavoro qui e ho sempre lo stesso contratto> dichiara un altro. Poi raccontano che... <se capitano momenti con poco lavoro ci fanno smarcare finchè non riprende tutto a pieno regime>. <Potrebbero ringraziarci visto che possono contare sulla nostra esperienza e sul nostro senso del dovere> ha detto un "camice blu" prima di indirizzarsi verso l'entrata dello stabilimento alle 9.10 per non far tardi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessandro Mazza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -