Cesena scrive a Napolitano: "La invitiamo ufficialmente"

Cesena scrive a Napolitano: "La invitiamo ufficialmente"

Cesena scrive a Napolitano: "La invitiamo ufficialmente"

Cesena ci ha sperato fino all'ultimo, ma alla fine, a causa della fitta agenda di impegni, non è stato possibile inserire anche una tappa cesenate nella visita che porterà il Presidente della Repubblica in Emilia - Romagna il 7 e l'8 gennaio, toccando prima Reggio Emilia e poi Forlì e Ravenna. Martedì 28 dicembre, non appena ricevuta la notizia, le autorità locali hanno cercato di fare il possibile per recuperare, invitando Napolitano nuovamente in città.

 

Il Sindaco Paolo Lucchi, insieme al Presidente della Provincia Massimo Bulbi, alla Senatrice Laura Bianconi e agli onorevoli Sandro Brandolini e Sandro Gozi, hanno inviato una lettera congiunta al Presidente Napolitano per invitarlo in un altro momento a Cesena.

 

Il testo della lettera:

 

Carissimo Presidente, nei prossimi giorni Lei visiterà la nostra Regione, fermandosi il 7 gennaio a Reggio Emilia per avviare ufficialmente le celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia e poi, l'8 gennaio, a Forlì e a Ravenna, per una serie di appuntamenti sempre nell'ambito dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Cesena sarebbe onoratissima di una Sua visita in quella occasione ma, nonostante la disponibilità dimostrata dai Suoi collaboratori, abbiamo compreso quanto sia difficile prevedere nel programma di quei giorni anche una tappa nella nostra città.

 

Facendoci interpreti della stima e dell'affetto che l'intera nostra comunità nutre nei Suoi confronti, già fin d'ora, dunque, desideriamo invitarLa ufficialmente a venire a Cesena e nel territorio cesenate, auspicando che all'attenzione riservataci in questi giorni dai Suoi collaboratori e dal Prefetto di Forlì-Cesena dott. Angelo Trovato, possa corrispondere quanto prima l'annuncio di una Sua visita. Sarebbe questo il più solenne riconoscimento della natura ‘bipolare' della provincia di Forlì-Cesena, qui rappresentata in una delle sue espressioni più virtuose e feconde. Conoscendo la Sua sensibilità e confidando nella Sua attenzione, cogliamo l'occasione per inviarLe i nostri migliori saluti e i più fervidi auguri per un buon 2011.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Noto, nella lettera inviata al Presidente Napolitano, un pizzico di gelosia quando si ricerca il riconoscimento ufficiale del "bipolarismo" provinciale. Forse stride un po' nell'ambito dei festeggiamenti per l'unità d'Italia.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -