Cesena, Seaf. Celletti e Zanoni (Lega): "Scarsa lungimiranza del sindaco Lucchi"

Cesena, Seaf. Celletti e Zanoni (Lega): "Scarsa lungimiranza del sindaco Lucchi"

"Scarsa lungimiranza e nessuna visione strategica per il futuro dell'area provinciale di Forlì-Cesena". Queste le due principali critiche rivolte al sindaco di Cesena Paolo Lucchi dai due capigruppo della Lega Nord in Consiglio provinciale Gian Luca Zanoni e in Consiglio comunale a Cesena Antonella Celletti sulla questione dell'aeroporto Ridolfi.

 

 

"L'aeroporto è una scommessa vitale per il futuro del nostro territorio - affermano i leghisti -. Non pensiamo solo all'oggi, con le difficoltà che sono sotto gli occhi di tutti, ma ai prossimi decenni, quando avere un'infrastruttura aeroportuale nel territorio farà la differenza in termini di competizione economica e turistica a livello nazionale ed internazionale. Non ci nascondiamo dietro un dito: sappiamo infatti benissimo quali sprechi e quali errori stanno dietro l'attuale situazione debitoria della Seaf, ma non dobbiamo nascondere neppure, come fa invece la sinistra cesenate, che alla sua origine ci sono precise responsabilità di Bologna e di amministratori che sono stati lasciati liberi di sperperare soldi pubblici."

 

"Oggi siamo di fronte ad un bivio - osservano i due leghisti -: scommettere su un'infrastruttura che può voler dire un salto di qualità per la nostra economia o rinunciare del tutto, facendo solo della squallida propaganda come la Giunta di Cesena che, pur dovendo impegnare poche migliaia di euro per la ricostituzione del capitale sociale di Seaf, si tira indietro, adducendo come ragione di non voler sprecare soldi pubblici. Come se, in tutti questi anni ed ancora oggi, la sinistra cesenate, da sempre al governo della città, non avesse buttato a mani basse soldi dei cittadini".

 

"La questione dell'aeroporto è un'altra e misura la capacità di assumersi delle responsabilità e di visione strategica delle classi dirigenti. Seaf non è paragonabile a Sapro, né ad alcun altro dei carrozzoni in mano alla sinistra, dove, a quanto pare, gli interessi della comunità venivano per ultimi, nonostante tutto venisse mantenuto con soldi pubblici. Per quanto ci riguarda, dopo il grande segnale dato dall'attuale Governo al nostro aeroporto, auspichiamo che la Provincia, il Comune di Forlì e gli altri soggetti interessati, con al primo posto la Regione, si attivino seriamente e concretamente per il rilancio del Ridolfi, nell'ottica di un sistema aeroportuale che risponda alle esigenze territoriali".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -