CESENA - Semafori sempre accesi sulla via Emilia contro gli incidenti

CESENA - Semafori sempre accesi sulla via Emilia contro gli incidenti

Semafori accesi 24 ore su 24 su alcuni incroci della via Emilia urbana. Il provvedimento è stato preso per aumentare la sicurezza stradale in città, dopo che l’indagine sugli incidenti stradali ha evidenziato come il numero dei sinistri nelle ore notturne sia superiore alla media oraria di circa il 30%. Quattro gli incroci interessati, tra cui quello fra viale Europa, via Machiavelli e via Zuccherificio e l’intersezione tra Ponte Nuovo, via Zuccherificio e via Battisti.


L’indagine sugli incidenti stradali avvenuti in città dal 1996 al 2005, infatti, ha evidenziato come il numero dei sinistri che si verificano nelle ore notturne (h. 23-6) sia superiore alla media oraria di circa il 30% e, soprattutto, notevolmente più alto se paragonato ai limitati flussi di traffico che si registrano nelle ore notturne rispetto a quelli diurni. L’aumento si rivela più sensibile nei primi tre incroci menzionati. In particolare, per l’incrocio tra viale Europa, via Machiavelli e via Zuccherificio si è registrato un incremento di incidenti stradali nelle ore notturne pari al 57,7%. I valori si abbassano leggermente per l’intersezione tra viale Oberdan, Corso Cavour e via Bovio (+47,4%) e per quella tra viale Oberdan, via Turchi e via De Gasperi (+42,2), ma restano i più elevati tra quelli registrati in città. L’estensione della regolamentazione semaforica alle 24 ore per questi tre incroci resterà attiva per almeno un anno, al termine del quale – sulla base del monitoraggio dei dati relativi agli incidenti – si deciderà se renderla definitiva.


Semaforo acceso 24 ore su 24 anche per l’incrocio presente tra il Ponte Nuovo, via Zuccherificio, via Battisti e via IV novembre. Per questa intersezione l’estensione della regolamentazione semaforica diventa definitiva, dopo la fase di sperimentazione avviata nei mesi scorsi e che ha portato risultati positivi sul fronte della riduzione degli incidenti stradali. In particolare, la sperimentazione su questo incrocio era stata attuata sulla base dei significativi flussi di traffico presenti anche nelle ore notturne, essendo l’incrocio un nodo direzionale su diverse destinazioni. Inoltre, l’incrocio presenta ampie distanze tra le linee di arresto dei veicoli e l’innesto nelle diverse strade confluenti, per cui, con semaforo lampeggiante, risultavano particolarmente lunghi e problematici i tempi di attraversamento e le manovre di svolta per lo sgombero dell’incrocio, in particolare per i veicoli obbligati a dare la precedenza.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -