Cesena, Settimana Europea della Mobilità: il bilancio è positivo

Cesena, Settimana Europea della Mobilità: il bilancio è positivo

Cesena, Settimana Europea della Mobilità: il bilancio è positivo

CESENA - Il Comune di Cesena ha aderito con entusiasmo alla Settimana Europea della Mobilità, che venerdì 17 settembre ha radunato oltre 700 alunni delle scuole primarie di Villarco, dell'Oltresavio e di San Vittore per la partenza dei primi piedibus e sabato 18 ha attirato numerosi cittadini nel centro storico, per ammirare la "Piazza dei Ciclofantaveicoli". Anche le altre iniziative in programma tra il 16 e il 19 settembre, come il percorso "A piedi per la città" e la gara ciclistica, hanno ottenuto una grande partecipazione.

 

"L'impegno dell'Amministrazione comunale per la promozione di una mobilità attenta alla qualità dell'aria e alla salute non si esaurisce con la Settimana Europea della Mobilità - sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore alle Politiche Ambientali Lia Montalti -. Proprio martedì scorso abbiamo partecipato, insieme alle maggiori città emiliano - romagnole, alla riunione  convocata dalla Regione per discutere la bozza del nuovo accordo di programma per la qualità dell'aria. Prosegue così un impegno avviato già da diversi anni e che, grazie alle misure adottate nel corso del tempo, ha permesso di raggiungere risultati apprezzabili: basti dire che nel periodo 2002-2009 la rete di monitoraggio Arpa ha registrato un calo del 15% della concentrazione media annua di PM 10 e del 20% dei superamenti del limite giornaliero nella nostra Regione. Dobbiamo proseguire in questa direzione, con l'obiettivo di sviluppare nuovi progetti e nuove iniziative per combattere le emissioni nocive e tutelare l'ambiente e la salute dei cittadini. In questo quadro si inserisce anche la proposta avanzata nel luglio scorso da Cesena e da altri Comuni (fra cui Forlì, Ravenna e Modena), di spostare il blocco delle auto dal giovedì alla domenica, proposta che per quanto ci riguarda è stato condiviso anche con le associazioni di categoria cesenati. Infatti, siamo convinti che la giornata festiva sia più efficace e adatta a iniziative di sensibilizzazione come quelle già sperimentate in  passato e in cantiere anche per i prossimi mesi. Del resto, questa volontà di coinvolgere l'intera città sui temi della mobilità sostenibile è la stessa che ci ha guidato nel programmare le iniziative della Settimana appena conclusa e che ha dato esiti davvero positivi: i coloratissimi Ciclofantaveicoli e le biciclette degli antichi mestieri hanno animato il sabato pomeriggio di Cesena, destando la curiosità delle famiglie a passeggio; il risciò Bi-bo, dotato di alimentazione fotovoltaica, ha accolto numerosi passeggeri, dimostrando che è possibile viaggiare comodamente senza danneggiare l'ambiente. Queste esperienze giocose, unite all'avvio dei piedibus, hanno posto l'accento sulla relazione tra salvaguardia dell'ambiente, benessere e stile di vita, coinvolgendo anche i ragazzi delle scuole primarie, che rappresentano il futuro della nostra città. Gli scolari si sono dimostrati disponibili a sviluppare una riflessione sperimentale sulle abitudini di spostamento e sul loro impatto ambientale. Con l'aiuto degli insegnanti, dei volontari e dei genitori, che da mesi sono coinvolti nella pianificazione dei Percorsi sicuri casa/scuola e che all'inizio di settembre hanno partecipato numerosi agli incontri di formazione sui piedibus, è stato possibile organizzare tragitti guidati dalle scuole di Villarco, dell'Oltresavio e di San Vittore. E anche i meno giovani hanno saputo approfittare delle iniziative proposte durante la Settimana Europea della Mobilità: giovedì 16 settembre un nutrito gruppo di anziani si è riunito al Carisport per cimentati in un percorso pedonale tra i corridoi verdi di Cesena. Le giovani leve del ciclismo, infine, hanno colto la sfida su due ruote che è partita domenica 19 da Ponte Abbadesse".

 

Le proposte e i progetti elaborati dall'Amministrazione comunale per incoraggiare stili di vita sostenibili e preservare la qualità dell'aria fanno parte di un programma regionale per il biennio 2010-2011, definito e condiviso dalle Province e dai Comuni emiliano - romagnoli con più di 50mila abitanti. Il blocco settimanale del traffico rientra in questo piano complessivo e si accompagna ad altri interventi, finalizzati al risparmio energetico e alla riduzione dell'inquinamento atmosferico.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -