Cesena, sfilata di trattori per il Primo Maggio in centro storico

Cesena, sfilata di trattori per il Primo Maggio in centro storico

Cesena, sfilata di trattori per il Primo Maggio in centro storico

CESENA - Come da tradizione, il centro città ha ospitato l'interminabile sfilata di trattori in un pomeriggio alla "Amarcord" di Fellini. Tra modelli d'epoca, clacson di tutti i tipi e moto da museo c'è spazio anche per dire la propria. Su molti mezzi e carri c'erano striscioni in cui si chiedeva maggiore sicurezza nel lavoro, stabilità e rispetto per la Costituzione. Spazio a valori, primo tra tutti proprio quello del lavoro ripreso anche dal Sindaco Lucchi accompagnato dal neo assessore Marchi.

 

LE IMMAGINI DEL CORTEO (di Alessandro Mazza - RomagnaOggi.it)

 

Il rispetto per il primo articolo della Costituzione è il filo rosso che ha pervaso la giornata di festa del primo maggio a Cesena. Un valore, quello del lavoro, messo proprio a fondamento della "Carta" e dichiarato "intoccabile" da quanti domenica erano presenti in centro.

 

L'aria che si respirava era quella che Fellini ha rappresentato alla perfezione in "Amarcord". Un incontro di persone semplici, vestite a festa, accomunate dal voler partecipare ad una ricorrenza carica di valori intrinsechi che ogni anno si rinnova. Tutto è iniziato alle 14 circa quando le prime mani ferme sui clacson (che parevano megafoni) hanno dato il via alla sfilata dei trattori, i più decorati con bandiere tricolori ma anche tanti "Forza Cesena".

 

Sul muso di molti mezzi c'erano striscioni e cartelloni. Si va dai più ironici come: "La mamma di Pazzini è sul carro" a quelli più impegnati come: "Le nostre vite valgono più dei loro profitti", "Lavoro, Solidarietà, Democrazia" fino ad un telegrafico "Meno bunga bunga, meno tasse".

 

Come in ogni primo maggio che si rispetti non mancavano stand tipici in cui le volontarie e le vere "zdore romagnole" non facevano mai mancare sul tavolo vassoi di ciambella e tanta albana. Un gesto semplice ma che affonda le radici nell'accoglienza della tradizione contadina, nel non far mai mancare del cibo a chiunque chieda accoglienza; un valore che tutt'ora contraddistingue la Romagna. Proprio come il liscio e le mazurche che sono risuonate in piazza. 

 

Anche il sindaco Lucchi ha partecipato attivamente alla giornata accompagnato dal neo Assessore al lavoro Marchi. Hanno incontrato e si sono messi a disposizione di chiunque li fermasse per poi prendere posto su uno dei trattori d'epoca della festa. Ma a motore spento.

  

Alessandro Mazza


Cesena, sfilata di trattori per il Primo Maggio in centro storico

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -