Cesena, sfruttamento manodopera agricola. Il sindaco: "E' un reato odioso"

Cesena, sfruttamento manodopera agricola. Il sindaco: "E' un reato odioso"

CESENA - Le serrate indagini condotte dal Commissariato di Cesena hanno permesso di stroncare un sistema di sfruttamento della manodopera extracomunitaria attuato da alcuni imprenditori agricoli operanti nelle campagne di Cesenatico. Per questo positivo risultato desidero rivolgere le più vive congratulazioni e un sentito ringraziamento al Dirigente dottor  Aldo Procopio e al Vice Questore Aggiunto Silvia Gentilini, che lo ha coadiuvato in questo delicato incarico, e attraverso di loro a tutti gli uomini e le donne del nostro Commissariato, per l'impegno, la dedizione, le capacità dimostrate in questo frangente.

 

Grazie al loro intervento è stato fermato un reato particolarmente odioso perché fa leva sul bisogno dei più deboli, tenendoli sotto ricatto e costringendoli così a sottostare a condizioni di lavoro inaccettabili. Troppo spesso abbiamo letto di episodi simili in altre zone d'Italia, convinti però che in una società come la nostra, caratterizzata da un diffuso senso della legalità e da un forte impulso alla solidarietà, fenomeni simili non avrebbero attecchito facilmente. Purtroppo vediamo che non è così e che, anzi, occorre tener alta la guardia per evitare che ciò si ripeta in futuro.

 

E non si tratta soltanto di intervenire sul fronte dell'ordine pubblico, per tutelare il rispetto della legge e la sicurezza dei più deboli, ma anche di interrogarsi sulle necessità del nostro mondo agricolo, del suo fabbisogno di manodopera, delle modalità di reclutamento, e più in generale della sua competitività e redditività. Ma anche di preservare il senso del valore del lavoro per i nostri ragazzi, e in particolare del lavoro in campagna, di cui tanti cesenati hanno fatto esperienza negli anni giovanili.

 

E' di un comparto troppo importante per la nostra realtà e non  possiamo lasciarlo in balia delle difficoltà o -peggio - delle speculazioni. Ne va non solo del futuro della nostra economia, ma della nostra stessa identità.

 

Paolo Lucchi, sindaco di Cesena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -