Cesena, sicurezza. Celletti (Lega Nord) attacca sul 'caso-Bulgarnò'

Cesena, sicurezza. Celletti (Lega Nord) attacca sul 'caso-Bulgarnò'

Cesena, sicurezza. Celletti (Lega Nord) attacca sul 'caso-Bulgarnò'

"Il ‘caso' Bulgarnò, con i suoi gravi problemi di sicurezza, anche determinati dalla presenza di stranieri che bivaccano vivendo di espedienti, è la punta dell'iceberg". Ne è convinta Antonella Celletti, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale a Cesena. "Nell'agosto 2009, alla festa Parrocchiale di Bulgarnò, si svolse un dibattito proprio su questo tema, al quale prendemmo parte anche noi della Lega Nord", ricorda Celletti, puntando il dito contro il sindaco Paolo Lucchi.

 

"Il problema era pressante - rimarca Celletti -. I residenti lamentavano la situazione di degrado e di timore diffuso. Lucchi, allora ancora fresco di nomina, si contraddisse più volte: in un primo tempo, negò che nel cesenate ci fosse una questione ‘sicurezza', poi parlò della popolazione di Bulgarnò come di una ‘comunità aggredita' (parole testuali), affermando che tutto si sarebbe risolto anche grazie al nuovo assessorato alle sicurezze. Evidentemente erano solo promesse senza costrutto".

 

"La situazione di Bulgarnò è la stessa di un anno fa e, semmai, è peggiorata - fa notare ancora l'esponente del Carroccio -. E questo nonostante la presenza di un assessore alle sicurezze, che, quando (molto raramente) ha dato risposte in aula ad interpellanze sulla sua materia, ha sempre escluso problemi nel nostro territorio, dando invece spazio a tutta la retorica ideologica buonista, lassista e del solidarismo peloso che tanti danni ha già provocato a questo Paese". 

 

"Anche in un'intervista rilasciata domenica, l'assessore alle sicurezze ci delizia con alcuni luoghi comuni di matrice relativista - attacca Celletti -, per esempio giustificando gli stranieri che dormono in auto perché, a suo dire, sarebbe una consuetudine di certe etnie. Non solo non ci risulta che i bulgari siano abituati ad usare l'auto come dormitorio, ma consideriamo indispensabile che gli stranieri residenti in Italia osservino le nostre regole e le nostre leggi ed abbiano un'occupazione che permetta loro di vivere decorosamente".

 

"In caso contrario, non possono risiedere nel territorio - prosegue la consigliera leghista -. E l'amministrazione comunale deve controllare che ciò avvenga, assumendosi tutte le responsabilità previste dalla normativa sulla sicurezza e garantendo alla comunità di poter vivere una vita il più possibile senza il timore provocato dal degrado e dalla criminalità diffusa. O la Giunta e gli assessorati funzionano così come sono, oppure si deve cambiare, soprattutto su un fronte così delicato come quello della sicurezza del territorio, in modo da assolvere gli impegni presi con i cittadini".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    ma non dovevano pensarci le RONDE PADANE ??? dove sono finite?? e i battaglioni di La Russa dove stanno bivaccando??

  • Avatar anonimo di MirkoM
    MirkoM

    Come non dare torto alla Capogruppo di Lega Nord Romagna? E' sotto gli occhi di tutti, anzi per meglio dire, è nel fastidio di tutti coloro che spece nelle ultime settimane, venire letteralmente assaliti con insistente pressing da extracomunitari "maleodoranti" che ti chiedono moneta, mentre si passeggia o si gira per negozi nel centro storico di Cesena. Io stesso ho dovuto affrontare una situazione di (piccolo diverbio) per fortuna, con uno di questi "parassiti" che voleva a tutti i costi non uno, come gli ho dato per togliermelo di torno, ma qualche spicciolo in+ perchè non gli bastava! Qualche minuto dopo l'ho ritrovato seduto a terra davanti al Conad Margherita di via G.Finali che infastidiva le malcapitate cliendi quel supermercato. Se questo disagio è lampante in centro storico, quindi alla di amministratori pubblici e tutori dell'ordine, figuriamoci cosa devono mal sopportare o subire gli abitanti delle periferie (molto meno) controllate dalla vigilanza in divisa: non passa finesettimana che abitazioni private di Martorano Villechiaviche Gattolino ecc... non vengano violentate anche dalla fiamma ossidrica. Ma cosa è diventata anche questa città: una nuova terra di conquista da parte di irregolari e predoni? E' ora di dire basta miei cari concittadini: chi ci governa in questa bella città, non ha altri interessi che accoglierli tutti per poi assisterli tutti. Questa è la loro politica: della TOLLERANZA OLTRANZA.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -