Cesena, sospensione tariffe postali agevolate. Lucchi: "Enormi difficoltà al no-profit"

Cesena, sospensione tariffe postali agevolate. Lucchi: "Enormi difficoltà al no-profit"

Cesena, sospensione tariffe postali agevolate. Lucchi: "Enormi difficoltà al no-profit"

CESENA - Sospensione delle tariffe postali agevolate per l'editoria e il terzo settore, arriva come previsto l'intervento del sindaco cesenate, Paolo Lucchi. "Sto seguendo con apprensione l'evolversi della situazione - ha detto il primo cittadino - Questo provvedimento sta creando enormi difficoltà al mondo della stampa e alle associazioni no profit, che in corso d'anno si trovano, inaspettatamente, a dover affrontare un aumento smisurato e non preventivato delle spese di spedizione, pregiudicando gravemente la loro attività".

 

"Tutto ciò - sottolinea nuovamente il sindaco - pregiudica gravemente la loro attività, con il reale rischio, da un lato, di un impoverimento dell'informazione, con la chiusura di testate e pesanti conseguenze sul piano occupazionale, e dall'altro di un drastico ridimensionamento della preziosa attività di tante associazioni di volontariato, impegnate a favore della società, e in particolare di chi è più sfortunato e bisognoso di aiuto. Anche nel nostro territorio sono tantissime le realtà associative che - se sarà confermato questo stato di cose - dovranno rinunciare alle loro comunicazioni, spesso vitali per la raccolta di fondi e il raggiungimento di obiettivi importanti, così come tante realtà editoriali che, in un momento già tanto difficile per il contrarsi del mercato e della raccolta pubblicitaria, potrebbero non essere più in grado di sostenersi".

 

"E' vero, stiamo attraversando un periodo difficile e occorre una particolare attenzione nella destinazione delle risorse, ma sono convinto che si possano e si debbano trovare altre modalità per evitare di colpire così duramente il mondo dell'informazione e del terzo settore. Per questo ho scritto ai nostri parlamentari locali, per sollecitarli ad attivarsi in tutte le forme a loro disposizione per chiedere di rivedere il provvedimento e appoggio pienamente l'iniziativa del consigliere regionale Damiano Zoffoli, che ha presentato al riguardo una risoluzione, che sarà discussa dall'assemblea legislativa dell'Emilia Romagna e con la quale - conclude Lucchi - si chiede alla Giunta regionale di adoperarsi presso il Governo, il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell'Economia e delle Finanze e il Parlamento perché le tariffe vengano immediatamente ripristinate e si apra un tavolo di confronto per l'individuazione di soluzioni sostenibili per tutti i settori interessati.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -