Cesena: tecnopolo per l'agroalimentare, lunedì la firma in Provincia

Cesena: tecnopolo per l'agroalimentare, lunedì la firma in Provincia

Cesena: tecnopolo per l'agroalimentare, lunedì la firma in Provincia

Con la firma  prevista per lunedì 1 febbraio in Provincia tra Comune di Cesena, Regione Emilia-Romagna,  Comune di Forlì e lo stesso ente provinciale, l' iter dell'insediamento a Cesena del Tecnopolo legato all'Agroalimentare entra nella fase operativa. Il Ciri, Centro interdipartimentale di Ricerca Industriale, indviduato per Cesena è legato alla specializzazione del distretto agroalimentare che caratterizza il nostro territorio e alla stessa presenza della Facoltà di Agraria con il Corso di Laurea di scienze e tecnologie alimentari.

"Sarà uno dei dieci Centri compresi nel progetto regionale dei Tecnopoli che rende concreto l'impegno a finanziare la ricerca applicata industriale - commentano il sindaco Paolo Lucchi e il vicesindaco Carlo Battistini -  Un progetto innovativo che prevede un significativo  impegno di investimento, oltre 200 milioni,   da parte della Regione Emilia-Romagna, l'Università di Bologna e gli enti locali chiamati a intervenire sia con fondi che con strutture, dedicate all'insediamento dei Ciri".

I Centri  interdipartimentali di Ricerca Industriale fanno infatti parte dell'intesa fra Regione e Università di Bologna finalizzata alla costruzione di una  Rete dell'Alta Tecnologia dell'Emilia-Romagna, con vere e proprie cittadelle della ricerca in diretto rapporto con il mondo dell'impresa.

A Cesena l'Amministrazione ha già previsto nel Piano Investimenti 800. 000 euro, mentre a carico della Regione  c'è una cifra  equivalente a 2 milioni di euro.

Al progetto che coinvolge   direttamente Cesena hanno collaborato anche l'Assessore all'Università Daniele Gualdi che ha lavorato con il Pro Rettore alla Ricerca prof. Braga per definire i contenuti dell'attività di ricerca, mentre il Vice Sindaco del Comune di Cesena Carlo Battistini ha partecipato alla stesura del piano con l'Assessore Campagnoli ed il Pro Rettore alle sedi decentrate prof. Sarchielli.

L'accordo alla firma lunedì 1 febbraio  precisa che i Comuni di Forlì e di Cesena, nonché la Provincia di Forlì-Cesena, si impegnano a mettere a disposizione dell'Università di Bologna le infrastrutture necessarie.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -