CESENA - Titolari ''Eurotecnica'' denunciano ex vertici Banca d'Italia per usura

CESENA - Titolari ''Eurotecnica'' denunciano ex vertici Banca d'Italia per usura

CESENA – I coniugi Mariani, titolari dell'azienda Eurotecnica, hanno presentato mercoledì una denuncia nei confronti degli ex coordinatori della Banca d'Italia e di altre dieci banche colpevoli di aver applicato nei loro confronti tassi di interesse da usurai. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata all'omissione di atti d'ufficio, al peculato, truffa, concussione, usura, turbativa di mercato, abuso d'ufficio e interessi privati in atti d'ufficio.

L'atto di denuncia riguarda l'ex governatore della Banca D'Italia, Antonio Fazio, il direttore generale Vincenzio Desario e il vice direttore Antonio Finocchiaro, Aristide Canosani (presidente Unicredit), Gianguido Sacchi Marsiani (presidente Cassa di Risparmio di Bologna) e Alfredo Cariello (presidente Banca Toscana).

I coniugi Giulio Mariani e Maria Grazia Lucchi, che avevano chiesto in precedenza 12milioni di euro di risarcimento, avevano denunciato le dieci banche implicate nella vicenda perchè avevano applicato nei loro confronti dei tassi d'interesse usurai. Il Gip di Forlì, Andrea Montagni, archiviò il caso per nove banche ad eccezione del Banco Antoniano Veneto. Queste, infatti, furono tratte in inganno da specifiche direttive imposte dalla Banca d'Italia. La battaglia di titolari dell'azienda cesenate ''Eurotecnica'', gestita da Giulio Mariani e Maria Grazia Lucchi, prosegue con il sostegno dei propri legali Francesco Sessa e Maria Cozza.

La ditta tra il 1998 e il 2001 entrò in crisi di liquidità e le banche, per rilanciare le attività, applicarono tassi d'interessa definiti dal Pm Monica Galassi da usurai. La difesa presentò documenti nel quale evidenziò i tassi tra il 17,11% e il 219,49%, quando la soglia d'usura è del 15,3%

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Delle dieci banche denunciate, dalle analisi dei periti, due risultarono con tassi sotto la soglia di usura. Nel mirino finirono La Banca Nazionale dell'Agricoltura, Carisbo, la Cassa di Risparmio di Forlì e Cesena, la Banca Popolare di Ancona, la Banca Popolare dell'Emilia Romagna e la Banca di Toscana. I tassi furono calcolati tra il 20,83% e il 284,9%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -