Cesena: truffò famiglia ed ex portiere Cesena, condannato

Cesena: truffò famiglia ed ex portiere Cesena, condannato

CESENA - Spillò all'ex portiere del Cesena Giovanni Indiveri la somma 16mila euro, che il calciatore gli affidò per l'acquisto di un'auto. Andrea Leante è stato condannato dal giudice Barbara De Virgiliis (pm Massimo Maggiori) con l'accusa di truffa ad un anno e sei mesi di reclusione in carcere e a 600 euro di sanzione. L'uomo, irreperibile ed ora all'estero, aveva in precedenza raggirato una famiglia cesenate con il medesimo sistema di 7mila euro.

 

Fu una persona vicino alla società a presentare Indiveri a Leante. Quest'ultimo disse di esser un dipendente del ministero della Giustizia e quindi in grado di conoscere quando venivano battuti all'asta automobili, dicendo di potergli procurare il modello da lui chiesto. Quando però l'ex estremo del Cesena gli affidò la somma di 16mila euro, Leante fece perdere le proprie tracce. All'estero.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -