Cesena: una serata dedicata alla green economy

Cesena: una serata dedicata alla green economy

La presentazione è dedicata a progetti eco-tech, sulla scia della vigente normativa che regla nuovi impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (eolico e fotovoltaico). L'intento comunale è dare indicazioni pratiche sulle modalità d'intervento, incoraggiando la realizzazione di impianti ecostenibili, soprattutto nelle zone che risultano meno vincolate e dove è più agevole intervenire. 


Apre l'incontro Franco Spada, assessore alle Attività produttive presentando il regolamento comunale di energie rinnovabili, mentre il contributo dell'assessore ai Lavori pubblici Piero Casadio tratterà due idee progettuali sostenibili: 200kw in conto scambio e il condominio fotovoltaico. "Il sole illumina le aziende" è l'esperienza modenese portata da Cristian Golinelli, presidente di Power Soc Coop per il sostegno allo sviluppo eco-tech. Sarà presentato il bando dedicato all'efficienza e al risparmio energetico per le imprese brisighellesi, attraverso impianti fotovoltaici. Il bando ha l'obiettivo di selezionare le imprese interessate a concedere il coperto della propria azienda, idoneo all'installazione di un impianto fotovoltaico per godere dei seguenti benefici: 20% dei kwh prodotti dall'impianto installato ceduti gratuitamente; 80% dei kwh prodotti dall'impianto installato a prezzi agevolati.
La tecnologia del mini eolico, con la diffusione di dispositivi a scala ridotta per la produzione di energia domestica, è l'ultimo intervento affidato a Francesco Matteucci, execuitve manager di Tozzi Nord srl, tra i principali operatori italiani in questo settore. L'idea del minieolico per le imprese agricole e agrituristiche sul territorio comunale, per sfruttare meglio l'energia del vento con piccole soluzioni, può migliorare la qualità della vita. Il mercato del minieolico sta nascendo in Italia grazie ai decreti attuativi della Finanziaria approvata a fine 2007, arrivati solo all'inizio del 2009. L'incentivo da 30 centesimi di euro per l'energia messa in rete dagli impianti eolici fino a 200kw (sul modello del Conto energia fotovoltaico) ha mosso il mercato anche per l'interessante prospettiva che gli impianti autonomi possono fare conto sullo scambio sul posto: l'energia in eccesso rispetto ai consumi viene immessa in rete e costituisce un credito per successivi prelievi.     

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -