Cesena, venerdì la giornata dedicata al malato

Cesena, venerdì la giornata dedicata al malato

CESENA - Domani, venerdì 11 febbraio, si celebra la giornata mondiale del malato. Per l'occasione, l'Azienda USL di Cesena, nell'ambito di un'iniziativa promossa in collaborazione con i volontari del Centro per i Diritti del Malato, dell'AVO (Associazione Volontari ospedalieri) e dell'A.N.F.F.A.S (Associazione nazionale Famiglie di Disabili Intellettivi e Relazionali), distribuirà ai pazienti ricoverati all'ospedale Bufalini di Cesena la "Carta dei diritti e dei doveri del malato e della persona che accede ai servizi sanitari".

Elaborato da un gruppo di lavoro allargato all'interno del Comitato Consultivo Misto Aziendale, il documento è uno strumento utile per utenti e operatori sanitari che si propone di migliorare le prestazioni e i servizi sanitari e il rapporto tra addetti del settore e cittadini-utenti.

 

Quattro sono i principi cardine di riferimento della Carta: la centralità della persona e il bisogno di salute; la salute come espressione di benessere globale dell'individuo; il coinvolgimento e la libertà di scelta; l'equità e l'imparzialità di trattamento. L'obiettivo è quello di promuovere e tutelare la salute della persona. Il documento, infatti, si pone come uno strumento di guida individuando i principali diritti e doveri del paziente per un corretto utilizzo delle prestazioni sanitarie e indicando gli strumenti di tutela che l'utente ha a disposizione per difendere la propria persona.

Si tratta, in sostanza, di un vero e proprio vademecum, che ripropone e riassume principi già normati dalle leggi vigenti: non introduce nuovi diritti ma richiama in un linguaggio più comune e maggiormente comprensibile una serie di principi, chiamando in causa tutti gli attori del sistema sanitario, ciascuno nel proprio ruolo, in un'ottica di collaborazione e corresponsabilizzazione.

 

L'opuscolo è composto da una prefazione che ne evidenzia le finalità e da due parti -  diritti e doveri -  per sottolineare che la tutela della salute non consiste soltanto nel diritto a ricevere un'assistenza sanitaria primaria, adeguata e professionale, ma anche nel dovere che ognuno di noi ha di partecipare responsabilmente alla fruizione della sanità pubblica.

Nel dettaglio, la prima parte sui diritti è composta da 10 articoli: qualità ed adeguatezza dell'assistenza, rispetto della dignità e della riservatezza, informazione, consenso informato, rispetto dei ritmi della vita quotidiana, comfort alberghiero, accesso ai servizi, reclami e proposte, riconoscimento dei danni subiti e una morte serena e dignitosa. La seconda parte, quella relativa ai doveri, è composta da 5 articoli: comportamento, informazione, rispetto degli ambienti e degli orari, rapporto con il personale in servizio e segnalazione dei disagi subiti.

 

Organismo rappresentativo composto da membri del volontariato locale e da rappresentanti dell'Azienda USL di Cesena, il Comitato Consultivo Misto ha il compito di assicurare la partecipazione e il confronto strutturato con le organizzazioni dei cittadini impegnate in sanità e svolgere un ruolo di verifica della qualità dei servizi dal lato del cittadino, stimolando costantemente il loro miglioramento secondo la prospettiva degli utenti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -