Cesenatico allagata, Famiglini (Pli): "I cittadini pagano gli errori altrui"

Cesenatico allagata, Famiglini (Pli): "I cittadini pagano gli errori altrui"

CESENATICO - In queste ore Cesenatico è stata colpita da una delle più gravi calamità scatenatasi sulla città negli ultimi anni nonostante le ingenti piogge fossero state previste da tempo dal servizio meteorologico. Oltre alle strade allagate e al sistema di smaltimento delle acque piovane totalmente in panne la rete di canali di scolo presente lungo le nostre campagne ha completamente ceduto riversando su vaste aree del territorio comunale enormi quantità d'acqua trasformando così una parte di Cesenatico in un'ampia laguna.

 

Assistiamo nuovamente con sgomento e preoccupazione, dopo la grande alluvione del 1996, all'allagamento di una porzione dei quartieri residenziali Madonnina e S.Teresa.    Inoltre sono attualmente sott'acqua vaste aree di Sala, Villamarina monte e si registrano ingenti danni nella località di Bagnarola. Il Comune, tramite comunicato stampa, si è affrettato a scaricare tutte le responsabilità sul Consorzio di Bonifica. Al di là delle reali colpe di questo o di quell'ente il nostro pensiero deve andare in primo luogo alle decine di famiglie sfollate a seguito dell'erompere delle acque sul territorio.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiediamo pertanto che, terminata l'emergenza, l'amministrazione comunale non si dimentichi di queste persone ma che promuova aiuti concreti per la ristrutturazione delle abitazioni e la ripresa delle attività economiche. Contestualmente deve essere effettuata una seria analisi di quanto accaduto. In tal senso rileviamo che probabilmente ci troviamo di fronte al plateale fallimento del piano di sistemazione idraulica del territorio tanto voluto dai nostri amministratori pubblici dato che sembra concretizzarsi l'ipotesi che il famoso by-pass tra il canale Vena e Fossatone non abbia funzionato a dovere. Secondo quest'ottica il disastro, più che causato dalla natura, sarebbe responsabilità delle cattive politiche territoriali messe in atto negli ultimi anni, le stesse che hanno preteso e ottenuto le porte vinciane con gli esiti che ormai conosciamo molto bene.  A pagare degli errori altrui purtroppo continuano ad essere sempre e solo i cittadini.

Axel Famiglini, segretario comunale del P.L.I. Cesenatico

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -