Cesenatico, approvato il progetto del sistema fisso di dissabbiamento

Cesenatico, approvato il progetto del sistema fisso di dissabbiamento

CESENATICO - Il Porto Canale di Cesenatico costituisce l'unico sbocco a mare di un bacino idrografico molto vasto, dalla forma approssimativamente triangolare, con vertice verso la città di Cesena, delimitato dal corso del fiume Savio a nord-ovest e da quello del Pisciatello a sud-est per un estensione territoriale di oltre 100 Km quadrati.

 

In caso di condizioni climatiche avverse, quando i livelli del mare salgono oltre le quote normali delle banchine del porto, qui entrano in funzione le porte vinciane, un sistema di chiusura di tradizione leonardesca che, in casi di alta marea, determina l'interruzione del flusso di corrente del mare in ingresso dal Porto Canale, in modo da evitare le tracimazioni del canale stesso. Si tratta di una sorte di "diga" posta in corrispondenza dell'edificio della Guardia Costiera, il cui funzionamento permette di garantire la messa in sicurezza di questa zona e del centro storico di Cesenatico in caso di mareggiate.

 

L'efficienza di questo sistema, in funzione dalla primavera del 2004, è stata tuttavia compromessa nel corso degli anni dalla formazione di interrimenti sabbiosi dovuti all'accumulo di detriti a seguito delle continue mareggiate che investono il nostro territorio o eventi simili. In mancanza di una tempestiva rimozione di questi sedimenti, il risultato è stata la formazione di strati fortemente incrostati, difficili da rimuovere, che attualmente non consentono l'operatività delle ante.

 

Per questo motivo il Comune di Cesenatico ha approvato in giunta il progetto definitivo per la realizzazione di un sistema fisso di dissabbiamento e di disgregamento oltre che di pulizia della soglia delle porte vinciane, il cui funzionamento deve essere garantito in qualsiasi momento del giorno e della notte, nonché per qualsiasi condizione del mare e del conseguente stato di interrimento del canale.

Il progetto esecutivo, redatto dall'ing. Tiziano Binini, sarà portato a termine dallo Studio Binini di Reggio Emilia, e prevede la pulizia costante del canale e l'aspirazione dei depositi sabbiosi che vengono a formarsi con il movimento delle porte.

L'impianto di dissabbiamento sarà collocato a bordo delle ante è ha lo scopo preciso di garantire la chiusura delle stesse, attraverso i getti di scarico di un sistema di pompe dissabbiatrici con getti di intensità regolabile e attivabili secondo necessità. L'impianto sarà predisposto per funzionare sia con porta chiusa che con porta in movimento, assicurando così di "spazzare" letteralmente la soglia durante il movimento delle ante, in particolare per la fase di chiusura.

 

Il progetto affronterà e risolverà anche l'eventuale problematica della riapertura delle ante dopo le situazioni di emergenza. Si tratta di un intervento che, va sottolineato, è programmabile con un minimo di anticipo, in ogni caso, qualora dovessero sorgere problemi concreti che impediscano un'immediata riapertura delle porte, questi sono risolvibili facilmente con interventi di pulizia da bordo banchina. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -