Cesenatico: fuga sull'auto rubata, due giovani nei guai

Cesenatico: fuga sull'auto rubata, due giovani nei guai

Cesenatico: fuga sull'auto rubata, due giovani nei guai

CESENATICO - Si erano dati alla fuga dopo esser stati intercettati a bordo di una "Fiat Punto" verde rubata a Sarsina, lasciando solo un ventenne che fu denunciato per ricettazione. Gli agenti della Squadra Mobile di Forlì, al termine di un'indagine durata tre settimane, sono riusciti ad identificare le due persone. Si tratta di Florian Pergjon un 20enne di nazionalità albanese, clandestino in Italia, e della sua compagna, la ravennate Z.D., 27 anni.

 

Il giovane, che si era reso protagonista lo scorso luglio di un inseguimento a Cesenatico, è stato arrestato per la sua clandestinità in Italia; mentre la ragazza è stata denunciata. La vicenda ha avuto inizio con una serie di controlli per la sicurezza che furono compiuti in occasione del fine settimana della prima decade di febbraio dagli agenti della Squadra Mobile e dal personale del Reparto Prevenzione Crimine.

 

Durante un servizio di pattugliamento, una ‘Pantera' fu impegnata in un inseguimento di una "Fiat Punto" verde rubata a Sarsina a fine gennaio che non aveva riposto all'alt. L'auto con a bordo tre individui si fermò all'altezza di via Canova e via Michelangelo a Valverde. Due riuscirono a fuggir via, mentre il terzo, un 20enne residente a Gatteo, venne denunciato per ricettazione. Il giovane si giustificò dicendo di aver accettato un passaggio e di non conoscere coloro che si trovavano nella ‘Punto'.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Poco gli agenti trovarono un'altra ‘Fiat Punto' rubata a Sarsina. A bordo vi era un collant e arnesi da scasso. Molto probabilmente sarebbe servita per effettuare un furto o una rapina. Entrambe le automobili vennero sequestrate per i rilievi di circostanza. Le impronte digitali presenti hanno consentito di rintracciare le altre due persone che si diedero alla fuga. Entrambi dovranno rispondere di ricettazione. Pergjoni, inoltre, è stato trovato con alcune tesserine rubate da un portafoglio a Santa Sofia e di un borsone da calcio portato via a San Piero in Bagno.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -