Cesenatico: incursione a villa Zaccheroni, tre in manette

Cesenatico: incursione a villa Zaccheroni, tre in manette

Cesenatico: incursione a villa Zaccheroni, tre in manette

CESENATICO - Assicurati alla giustizia i ‘topi' che l'11 luglio scorso si erano introdotti nella villa di Cesenatico dell'allenatore Alberto Zaccheroni. Gli agenti della Squadra Mobile di Forlì hanno arrestato tre croati: si tratta di una 29enne, del suo compagno di 23 anni e di una 17enne. Fondamentale per il buon esito delle indagini è stata la collaborazione di un ristoratore che aveva trovato nel suo locale una borsa griffata che era stata dimenticata da due coppie.

 

L'imprenditore l'ha consegnata alla Polizia. Dentro vi erano cinque mazzi di chiavi, tra le quali quelle di casa Zaccheroni. Ma c'erano anche cacciaviti, una lamina di plastica e tessere telefoniche per scardinare delle porte. I poliziotti hanno così teso un trappola, attendendo che qualcuno ritirasse la borsa.

 

A recuperarla si sono presentati i compagni delle due ladre: si tratta del 19enne J.D. e di Micki Radosavlievic, 23 anni. Sul posto erano presenti gli agenti in borghese, che hanno accompagnato i due presso il posto estivo di Polizia di Cesenatico. Qui il 23enne ha mostrato una carta d'identità ed una patente slovena, entrambe false. Il primo è stato denunciato per ricettazione, mentre per il secondo - già con precedenti alle spalle - sono scattate le manette.

 

Poi gli agenti sono risaliti alle due donne, Suzana Jovanovic, 29 anni, e B.V, 17 anni. La minorenne, in attesa di un bambino, è stata affidata a un centro di accoglienza su disposizione del tribunale dei minori di Bologna. Le ladre sono state riconosciute attraverso le telecamere a circuito chiuso della villa di Zaccheroni.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -