Cesenatico: minaccia di morte due prostitute, arrestato albanese 25enne

Cesenatico: minaccia di morte due prostitute, arrestato albanese 25enne

Cesenatico: minaccia di morte due prostitute, arrestato albanese 25enne

Pur di diventare il loro protettore le ha schiaffeggiate e minacciate di morte. Un giovane albanese di 25 anni, Cela Festim, un sedicente operaio edile già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dagli agenti di Polizia di Cesenatico con le accuse di estorsione e lesioni ai danni due giovani prostitute romene di 18 e 26 anni. L'uomo pretendeva dalle "lucciole" la somma di 50 per l'utilizzo di una piazzola tra la Statale 16 Adriatica e via Tagliata a Cesenatico.

 

L'individuo si era avvicinato sabato notte alle due prostitute, giunte da Montesilvano (in Abruzzo), che avevano scelto una piazzola lungo la Statale 16 per attirare i clienti in transito. Il 25enne le minacciate, pretendendo la somma di 50 euro a serata altrimenti sarebbero state picchiate da suoi amici. L'indomani l'albanese è tornato a farsi vivo. Questa volta più minaccioso. Senza alzare le mani le ha minacciate di morte.

 

Martedì sera è passato ai fatti. Con fare brutale ha picchiato le due ragazze al volto. Impaurite hanno deciso di denunciare il pestaggio. Subito sono scattate le indagini delle forze dell'ordine. Grazie all'identikit fornito dalle due giovani, la polizia è riuscita a catturare il malvivente. E' stato fermato una fermata dell'autobus in viale Trento. La sua destinazione era Rimini.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Festim sono scattate le manette con l'accusa di tentata estorsione, con l'aggravante dello stato di clandestinità. Inoltre è indagato per lesioni e mancata esibizione di documenti di riconoscimento. Ora si trova detenuto presso il carcere di Forlì a disposizione del pm Marco Forte.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -