Cesenatico: settore della pesca in crisi. Paura per le imprese locali

Cesenatico: settore della pesca in crisi. Paura per le imprese locali

Cesenatico: settore della pesca in crisi. Paura per le imprese locali

CESENATICO - Crisi della pesca: a rischio le imprese del settore. Nonostante il calo del prezzo del gasolio, che dallo scorso giugno è sceso del 50%, sono molti i fattori che addensano nubi sul secondo settore produttivo di Cesenatico: il mancato arrivo delle somme del Fermo pesca 2008 e del riconoscimento del premio demolizione alle imprese, l'introduzione dei grandi pescherecci anche nell'Adriatico e le condizioni meteo che hanno diminuito le giornate utili per la pesca.

 

Dall'intervista esclusiva al Corriere Romagna dei vertici della cooperativa "Casa dei Pescatori" di Cesenatico, si evince come la preoccupazione sia forte. In difficoltà soprattutto la pesca a strascico, che coinvolge oltre 40 imbarcazioni.

 

Ma la diminuzione del pescato negli ultimi mesi, dovuta soprattutto alle condizioni meteo marine avverse ed alla presenza dei grandi pescherecci (con motori fino a 10mila cavalli), che incrina l'equilibrio tra lo sforzo di pesca e la capacità di ripopolamento delle acque, è un segnale che coinvolge tutto il settore. Anche gli impianti di miticoltura sono in sofferenza. A reggere la pesca con sistemi fissi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre né da Roma, né da Bruxelles, sono arrivate le somme, rispettivamente per il Fermo pesca 2008 e per il premio demolizione relativo alle imbarcazioni più vecchie.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -